Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

CONTINUA LA CRISI ECONOMICA STATUNITENSE


CONTINUA LA CRISI ECONOMICA STATUNITENSE
18/09/2008, 09:09

Non si fermano le paure dei mercati, a causa della debolezza dell'economia e della finanza statunitense. Ieri in Europa tutte le Borse hanno perso in media intorno ai due punti percentuali; ma a Wall Street è andata decisamente peggio, nella notte. A trascinare verso il basso gli indici è il cosidetto sell off (vendita immediata a qualsiasi prezzo) scattato su Morgan Stanley e Goldman Sachs, due colonne dell'economia americana, ma anche due società che sono considerate pericolosamente esposte, da un punto di vista finanziario. E così Goldman Sachs ha registrato in una sola seduta un calo del 23% del valore dei suoi titoli; e Morgan Stanley addirittura del 44%. Stiamo parlando di cali che non si vedevano dai tempi del giovedì nero del 1985.

Adesso a Wall Street si scrutano i listini, non alla ricerca dell'investimento o della speculazione da fare, ma di chi sarà il prossimo a crollare. Le due banche d'affari summenzionate? La Washington Mutual? Qualche altra banca affogata nel caos dei mutui subprime? O addirittura qualche banca? Intanto sempre più soldi vengono trasferiti nell'oro, nel petrolio o in altri beni rifugio, generando anche lì instabilità.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©