Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il tasso di disoccupazione supererebbe il 10%

Crisi, allarme Ue: 6 milioni di nuovi disoccupati entro il 2010


Crisi, allarme Ue: 6 milioni di nuovi disoccupati entro il 2010
09/03/2009, 15:03

Altri sei milioni di persone potrebbero perdere il posto di lavoro nel giro di pochi mesi. L’allarme è lanciato nel documento del “Comitato per l’occupazione e la protezione sociale”, che sarà presentato al consiglio europeo in primavera. In Europa, si legge, è in corso una “recessione senza precedenti che potrebbe causare altri 6 milioni di disoccupati entro il 2010 e produrre gravi conseguenze sociali per le famiglie e le persone”. Nelle ultime stime Ue si era parlato della perdita di 3.5 milioni di posti di lavoro solo per il 2009, e di un tasso di disoccupazione pari al 9.25%.

In molti degli stati membri dell’Unione Europea, si legge ancora nel documento, “la maggiore flessibilità consente ora alle imprese di adeguare rapidamente la propria capacità produttiva”, ma questo non basterebbe a porre un freno all’emergenza disoccupazione. Per affrontare la crisi in modo adeguato sono necessarie “misure tempestive, temporanee e mirate per incentivare l’occupazione e prevenire e limitare la perdita dei posti di lavoro e le ripercussioni sociali”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©