Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Numero triplicato in 5 anni

Crisi, Coldiretti: 21 milioni di italiani nei mercatini


Crisi, Coldiretti: 21 milioni di italiani nei mercatini
05/05/2013, 11:04

Circa 21 milioni di italiani, nel 2012, hanno fatto la spesa nei mercati degli agricoltori. Un numero questo, triplicato rispetto a 5 anni fa. È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Censis, diffusa in occasione di ''Cibi d'Italia'' di Campagna Amica al Castello Sforzesco di Milano, in riferimento all'indagine Unioncamere secondo la quale tra il 2009 e il 2012 le imprese del commercio al dettaglio ambulante iscritte ai registri delle Camere di commercio sono aumentate di circa il 10%. Un vero e proprio boom, dunque, favorito non solo dalla crisi economica ma anche dalla crescita delle imprese agricole accreditate a Campagna Amica, che commercializzano ai consumatori nei mercati ambulanti e nei punti vendita organizzati nelle città e nelle campagne.
Stando a quanto riferito da Coldiretti, nei mercati degli agricoltori si riforniscono circa 7 milioni di italiani mentre altri 14 lo hanno fatto almeno una volta. Un’occasione, questa, possibile grazie ai quasi 7.000 punti vendita di Campagna Amica gestiti direttamente dagli agricoltori.
Verdura, frutta,  formaggi, salumi, vino, latte, pane, conserve di frutta, frutta secca, biscotti ed  legumi sono - secondo una indagine Coldiretti/Swg - i prodotti più acquistati dagli italiani ma non mancano prodotti non alimentari come possono essere gli agricosmetici.
A fare la spesa direttamente dal produttore nei mercati degli agricoltori sono per il 68 per cento donne con una presenza maschile molto più elevata rispetto alla media. Nel 68 per cento dei casi, ad acquistare nei mercati sono persone di età inferiore ai 54 anni mentre lo status sociale ed economico è medio alto nell'82 per cento dei casi, secondo l'indagine Coldiretti/Swg. Questo risultato è raggiunto non solo a causa della crisi ma anche dalla ricerca di cibi sani.

 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©