Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Ulteriore calo del Pil pari allo 0,4%

Crisi: Confesercenti, 2013 sesto anno negativo per l'Italia

In sei anni di crisi 800mila nuovi disoccupati

Crisi: Confesercenti, 2013 sesto anno negativo per l'Italia
12/09/2012, 20:56

Secondo le previsioni del rapporto Confesercenti-Ref, il 2013 sarà il sesto anno negativo per l’Italia. Un calo del 7% del Pil dall’inizio della crisi tra cui un meno 2,3% nel 2012 e un ulteriore meno 0,4% previsto per il 2013. A diminuire saranno anche i lavoratori, con un perdita dell’occupazione pari al 3% corrispondete a circa 800mila persone e le microimprese che nel 2011 risultavano essere 100mila in meno rispetto al 2008.

La contrazione occupazionale sarà sempre più forte per i lavoratori autonomi rispetto al lavoro dipendente, è quanto dice il rapporto della Confesercenti, anche se dal 2008 ad oggi circa 100mila lavoratori autonomi sono stati costretti a interrompere la loro attività. Marco Venturi, presidente dell’associazione Confesercenti, dichiara: “Questi lavoratori non possono contare su alcuna forma di protezione sociale e di sussidio contro il rischio della disoccupazione”.

Calano anche i consumi. Meno 2,3% registrati nel 2012 e meno 0,9% il prossimo anno. “Un segnale positivo per interrompere questa tendenza- commenta Venturi – è nell’avanzo primario intorno al 6% al netto degli interessi. Bisogna andare avanti con una spending review ancora più decisa e coraggiosa per liberare risorse, per far ripartire investimenti, occupazione e consumi”.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©