Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Le parole in conferenza stampa con Mariano Rajoy

Crisi, Monti vede passi avanti: “L’Italia non ha bisogno di aiuti”

Intanto lo spread vola fino a quota 508 punti

Crisi, Monti vede passi avanti: “L’Italia non ha bisogno di aiuti”
03/08/2012, 10:00

ROMA - Non si lascia intimorire dal crollo delle borse seguito alle parole del presidente della Bce Mario Draghi e decide di essere rassicurante il premier Mario Monti: l’Italia non ha bisogno di salvataggi, perché ha una delle finanze pubbliche “più solide di Europa” afferma. E torna a ripetere che in questo momento “Roma non intende chiedere neppure l’attivazione dello scudo antispread”. Occasione per parlare è la conferenza stampa con il primo ministro Mariano Rajoy: le parole del Professore arrivano in contemporanea all’intervento di Draghi,che  in un modo o nell’altro hanno fatto schizzare lo spread italiano a 508 punti.

“Non so se i mercati, tenuti come sono ad agire nel secondo e nel millesimo di secondo, abbiano valutato pienamente il discorso di Draghi”, dice Monti. Discorso del quale il Professore fa una vera e propria esegesi, leggendo in inglese le singole parole pronunciate dal presidente della Bce e spiegandone il significato. “Vedo passi avanti e nessun passo indietro”, assicura Monti, “la Bce ha aderito agli obiettivi che si era posto il consiglio europeo”. E ancora: “Draghi ha sottolineato che il tema dello spread tocca al cuore la funzionalità politica monetaria, quindi la competenza della banca centrale”.

La conferenza stampa si conclude con una dichiarazione congiunta nella quale Monti e Rajoy, come nei giorni scorsi avevano già fatto Berlino, Parigi e la stessa Roma in altrettante dichiarazioni congiunte, assicurano di essere pronti a tutto per salvare l’Euro, tornano a chiedere di attuare in tempi brevi le misure decise all’ultimo vertice europeo. Ma il dato certo è che quella che doveva essere l’ennesima settimana “cruciale” per dare una spallata forte e definitiva alla crisi dell’eurozona, si è conclusa con uno dei picchi più bassi dei mercati e più alti dello spread.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©