Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

“Alto debito ha impatto negativo sulla crescita”

Crisi, Rhen: “Debito pubblico frena, ritorno a crescita economica”


Crisi, Rhen: “Debito pubblico frena, ritorno a crescita economica”
25/04/2013, 20:24

BRUXELLES -  La relazione fra "l'indebitamento e la crescita" è  evidente, e se "non si possono stabilire regole di consolidamento uguali per tutti i paesi" è proprio perché "il debito pubblico rappresenta un freno per la crescita". È quanto dichiarato dal vicepresidente della Commissione Ue Olli Rehn, nel rispondere alle domande degli europarlamentari. "Su una cosa politici ed economisti sono d'accordo", ha dichiarato ancora il vicepresidente, "l'alto debito ha un impatto negativo sulla crescita sia quando è costante sia quando sale improvvisamente, e di questo tiene conto il patto di stabilità e crescita dell'Euro quando prescrive di mantenere il debito sotto il 60% del Pil". Altro aspetto fondamentale riguarda, invece, gli effetti del consolidamento dei conti pubblici sulla crescita a breve termine: "Sono più marcati in tempi di crisi - ha osservato Rehn - e per questo dobbiamo sostenere le riforme strutturali e gli investimenti privati per la crescita garantendo al tempo stesso il mantenimento di politiche coerenti di risanamento dei conti".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©