Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

CRISI:RITORNANO LE SIGARETTE DI CONTRABBANDO


CRISI:RITORNANO LE SIGARETTE DI CONTRABBANDO
12/12/2008, 19:12

 Insieme a fazzolettini e accendini, sono tornate, tra i banchetti dei venditori ambulanti,  le sigarette di contrabbando. Forse per colpa della crisi, nei quartieri a Nord di Napoli e nella confinante provincia, sono tornati i contrabbandieri, pronti a vendere le sigarette a prezzi inferiori rispetto alle tabaccherie a un costo che oscilla tra i 2 e i 2,50 euro, a secondo delle marche. Molti si fermano a comprarle per il costo inferiore.

L'ipotesi più probabile è che le sigarette entrino nel territorio nazionale trasportate in furgoncini che fanno la spola tra l'Est e l'Occidente europeo per portare qui persone in cerca di lavoro e fuori i pacchi da consegnare alle famiglie degli stranieri presenti in Italia. In molti, però, anche tra chi le acquista, ritengono che le sigarette siano contraffatte e che provengano dalla Cina. Una voce alimentata anche dal sequestro delle Fiamme gialle, la scorsa primavera, di oltre 39 mila stecche di sigarette con noti marchi, perfettamente contraffatte e che sono state riconosciute come un falso solo dagli esperti della casa di produzione.

Ma per molti la soluzione alla crisi è ben lungi dallo smettere di fumare...

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©