Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il dato annuale resta al -4,6%

Dati Ocse: Pil Europa +0,8%; l'Italia arranca +0,6%


Dati Ocse: Pil Europa +0,8%; l'Italia arranca +0,6%
23/11/2009, 12:11

L'Ocse ha diffuso in un proprio rapporto la crescita del Pil nei vari Stati europei. Finalmente comincia ad esserci qualche timido segnale di ripresa, con un Pil europeo che in media sale dello 0,8% nel terzo trimestre del 2009 rispetto al secondo trimestre. Il dato è meno positivo, se lo si raffronta al terzo trimestre del 2008: -3,3%. Che comunque è un miglioramento rispetto al -4,6% ottenuto confrontando il secondo trimestre del 2009 rispetto al secondo trimestre 2008.
Meno bene vanno le cose per l'Italia che riesce a trovarsi in zona positiva, nel terzo trimestre del 2009 (+0,6% rispetto al secondo trimestre), ma rimanendo sempre sotto la media. Ed anche il confronto rispetto al terzo trimestre del 2008 è molto negativo: -4,6%. Meglio del -5,9% del secondo trimestre, ma lontanissimo da una situazione soddisfacente. Soprattutto se consideriamo che tradizionalmente il terzo trimestre dell'anno è quello che può contare sull'apporto dei turisti, cosa che fa crescere il Pil.
Mentre resta il problema dell'occupazione ovunque. Infatti questa crescita - è importante che ci sia, per quanto debole - è comunque troppo bassa per fermare l'emorragia di disoccupati che invade tutta l'Europa. E questo significa che questa rischia di essere una crescita limitata se non aumenta anche l'occupazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©