Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

DOMICILIO PER LA NOTIFICA DEGLI ATTI


DOMICILIO PER LA NOTIFICA DEGLI ATTI
20/03/2014, 12:01

Il contribuente, residente in Italia o all’estero, può scegliere il domiciliodove debbano essergli notificati gli atti dell’amministrazione fiscale.

Può indicare un indirizzo presso una persona o un ufficio, purché si trovinello stesso Comune in cui ha il proprio domicilio fiscale.

Il contribuente residente all’estero può anche indicare un indirizzo estero per le notifiche, purché non ne abbia già indicato uno in Italia o non abbia nominato un rappresentante fiscale nel nostro Paese. È necessario, però, comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi al domicilio scelto.

La comunicazione può essere effettuata tramite:

presentazione cartacea: in questo caso deve essere compilato l’apposito modello  da inviare mediante raccomandata con avviso di ricevimento all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente in base al domicilio fiscale del contribuente.
presentazione telematica:scegliendo tale modalità, il contribuente abilitato ai servizi telematici effettua la comunicazione direttamente, senza avvalersi di intermediari, utilizzando la specifica applicazione (A cura del Centro studi Lepre Group).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©