Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Dopo le parole di Draghi cala lo spread


Dopo le parole di Draghi cala lo spread
26/07/2012, 16:20

Lo spread aveva raggiunto valori record toccando i 518 punti. Mai c’era stata maggiore differenza tra i titoli di stato tedeschi e quelli italiani. Eppure sono bastate le parole di Mario Draghi per risollevare un po’ la situazione. Il Presidente della Bce, in un intervento al Global Investiment Conference di Londra ha dichiarato che  "All'interno del proprio mandato, la Bce è pronta a fare qualunque cosa per preservare l'euro, e credetemi, questo basterà, pensiamo che l'euro sia irreversibile. E queste non sono parole vuote. Le misure che stiamo attuando lo renderanno irreversibile" e ha proseguito ribadendo l’esigenza di un’unione bancaria, finanziaria e fiscale.  L’area euro è molto forte e negli ultimi sei mesi ha mostrato straordinari proghessi anche se i mercati ancora non l’hanno riconosciuto.

Parlando poi dei motivi che sono alla base della crisi, Draghi ha spiegato che parte del problemaè che negli ultimi 10 anni sia a livello nazionale che europeo, i governi non hanno fatto nulla.

Sarebbero bastate queste parole del Presidente della Bce per far volare i mercati con Piazza Affari che ha riportato in tarda mattinata un rialzo del 4%. Come Milano anche Londra guadagna l’1,23%, Parigi il 2,8%, Francoforte l’1,7% e Madrid il 3,3%. Anche lo spread è calato e ora la differenza tra i Btp e i Bund tedeschi è di 480 punti base rispetto ai 518 di ieri. 

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©