Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Conto alla rovescia per il rinnovo della presidenza

Dopo-Marcegaglia, Confindustria riapre i giochi

Tre candidati tra vecchi problemi e nuovi scenari

Dopo-Marcegaglia, Confindustria riapre i giochi
09/01/2012, 18:01

Conto alla rovescia per il rinnovo della presidenza di Confindustria: il 24 gennaio inizia la corsa per eleggere il successore di Emma Marcegaglia, che lascerà l’incarico a fine maggio.  

I giochi si riaprono in un momento molto delicato per imprese e lavoratori. L’aria è tutt’altro che rilassata, con la riforma dell’articolo 18 alle porte, contestata dai sindacati ma guardata di sguincio (a sorpresa) anche da viale dell’Astronomia. Che sta facendo gli scongiuri contro Ichino e la sua proposta di riforma, che prevede una compartecipazione delle aziende al welfare, in soccorso a chi perde il posto di lavoro.  

In corsa per il timone c’è Alberto Bombassei, numero uno di Brembo spa, ora vice presidente con delega sulle relazioni industriali di Confindustria, ma anche consigliere di compagnie importanti come Italcementi, Pirelli e Atlantia. Nel dopo-Emma la scelta potrebbe ricadere su di lui per ricucire lo strappo con la Fiat, dopo l’addio di Marchionne, spostato sempre di più verso Detroit, e la newco che tanto ha fatto discutere fuori e dentro le stanze del potere industriale italiano. Ma c’è chi giura che a spuntarla sarà Giorgio Squinzi, che avrebbe dalla sua parte Assolombarda, Confindustria Roma, Varese, Vicenza, la Sicilia e la Campania, i costruttori dell'Ance e la totalità dei piccoli e medi imprenditori. Squinzi è il patron della Mapei, multinazionale che fattura 1,7 miliardi l’anno, ma è anche l’ex presidente di Federchimica, uno dei settori in cui il nostro paese ha brillato fino a qualche anno fa. E poi c’è il malcontento del Nordest, espresso dal candidato Andrea Riello (Riello sistemi), che pare però essere – in sostanza -  fuori dai giochi, e forse appoggerà uno dei due candidati in cambio della poltrona da vicepresidente. L’ultima parola spetterà ai past president: la deadline è proprio quella di fine maggio.

In questo momento di passaggio le varie anime di Confindustria arrivano alla resa dei conti: la grande impresa, i piccoli, il malcontento del Nordest, le lobby, gli equilibri economici e politici da mantenere e da ridefinire. Individuare oggi una figura imprenditoriale che, tra aspirazioni personali e sostegni più o meno palesi, riesca a mettere tutti d'accordo non sarà così semplice. La crisi fa la sua parte, l’incertezza politica pure.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I giochi si riaprono in un momento molto delicato per imprese e lavoratori. L’aria è tutt’altro che rilassata, con la riforma dell’articolo 18 alle porte, contestata dai sindacati ma guardata di sguincio (a sorpresa) anche da viale dell’Astronomia. Che sta facendo gli scongiuri contro Ichino e la sua proposta di riforma, che prevede una compartecipazione delle aziende al welfare, in soccorso a chi perde il posto di lavoro.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In corsa per il timone c’è Alberto Bombassei, numero uno di Brembo spa, ora vice presidente con delega sulle relazioni industriali di Confindustria, ma anche consigliere di compagnie importanti come Italcementi, Pirelli e Atlantia. Nel dopo-Emma la scelta potrebbe ricadere su di lui per ricucire lo strappo con

 

 

la Fiat, dopo l’addio di Marchionne, spostato sempre di più verso Detroit, e la newco che tanto ha fatto discutere fuori e dentro le stanze del potere industriale italiano. Ma c’è chi giura che a spuntarla sarà Giorgio Squinzi, che avrebbe dalla sua parte Assolombarda, Confindustria Roma, Varese, Vicenza, la Sicilia e la Campania, i costruttori dell'Ance e la totalità dei piccoli e medi imprenditori. Squinzi è il patron della Mapei, multinazionale che fattura 1,7 miliardi l’anno, ma è anche l’ex presidente di Federchimica, uno dei settori in cui il nostro paese ha brillato fino a qualche anno fa. E poi c’è il malcontento del Nordest, espresso dal candidato Andrea Riello (Riello sistemi), che pare però essere – in sostanza -  fuori dai giochi, e forse appoggerà uno dei due candidati in cambio della poltrona da vicepresidente. L’ultima parola spetterà ai past president: la deadline è proprio quella di fine maggio.

In questo momento di passaggio le varie anime di Confindustria arrivano alla resa dei conti: la grande impresa, i piccoli, il malcontento del Nordest, le lobby, gli equilibri economici e politici da mantenere e da ridefinire. Individuare oggi una figura imprenditoriale che, tra aspirazioni personali e sostegni più o meno palesi, riesca a mettere tutti d'accordo non sarà così semplice. La crisi fa la sua parte, l’incertezza politica pure.

 

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©