Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

'Decisioni su vigilanza scelta importante per stabilità'

Draghi: "Bce potra' chiedere informazioni a tutti gli istituti"


Draghi: 'Bce potra' chiedere informazioni a tutti gli istituti'
17/12/2012, 16:45

''La Banca centrale europea avra' pieni poteri e la possibilita' di rifarsi sulle banche su cui vigilera' in modo diretto, ma potra' chiedere informazioni a tutte le banche''. Così il presidente della Bce, Mario Draghi, nel corso dell'audizione in commissione Problemi economici del Parlamento europeo.

''Non credo che avremo un sistema bancario frammentato'', sottolinea. Per il responsabile dell'istituto di Francoforte alcune cose pero' vanno chiarite: ''A oggi ci sono 130-150 banche che saranno sotto sorveglianza diretta, ma siamo ben lungi dal poter dire cosa si intende per supervisione diretta''.

Il presidente Bce ha difeso anche dal punto di vista dell'esperienza degli ultimi anni il fatto che la banca centrale sia coinvolta nella supervisione bancaria (nell'Eurozona e' cosi' in 14 paesi su 17) e che la Banca d'Inghilterra assumera' presto tali funzioni prima assegnate alla Financial Services Authority.

Draghi ha aggiunto che la supervisione cosi' come e' stata concepita "non creera' un sistema bancario diviso". In linea generale, "piu' grande e' la banca piu' sara' intensa la vigilanza" della Bce. E' chiaro che alla base della divisioni delle funzioni tra Bce e autorita' nazionali ci sono le regole appena concordate dai governi europei con il riferimento alle soglie oggettive che stabiliscono il perimetro della supervisione 'centrale' e della supervisione condotta dalle autorita' nazionali.

Tali regole, ha detto Draghi, saranno fatte rispettare. "Non si potra' evitare il riferimento ai 30 miliardi" di asset totali di una banca al di sopra dei quali la vigilanza spetta d'ufficio alla Bce. Draghi ha detto che la vigilanza bancaria potra' aiutare a garantire la stabilita' finanziaria: sappiamo, ha detto Draghi, "che senza stabilita' finanziaria gli strumenti standard di politica monetaria, cioe' la manovra sui tassi di interesse, perdono forza': una supervisione bancaria efficace contribuisce alla stabilita' finanziaia e cio' permettere una ordinata trasmissione della politica monetaria". Il 'consiglio di vigilanza' della Bce sara' "il centro di gravita'" del nuovo sistema.
 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©