Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il governatore Bankitalia: "Condizioni favorevoli"

Draghi: "La crisi della Grecia non sarà una nuova Lehman"


Draghi: 'La crisi della Grecia non sarà una nuova Lehman'
14/06/2011, 21:06

ROMA - "Sappiamo che ci sono molti investitori che aspettano la contingenza per sfruttare una situazione in cui ci sia un default mal gestito e non gestito. Questa è la lezione che abbiamo imparato dalla Lehman, che è stato il fallimento più caro della storia e non vogliamo ripeterlo".
Con queste parole Mario Draghi, candidato alla presidenza della Bce, nel corso di un'audizione all'Europarlamento ha assicurato che la crisi della Grecia non sarà una nuova Lehman Brothers.
Proprio il fallimento della banca d'affari, avvenuto nel 2008, ha innescato infatti la crisi finanziaria. "All'inizio degli anni Novanta in Italia non c'era l'Fmi. Per questo motivo il nostro Paese era in condizioni peggiori della Grecia. Ogni tre mesi dovevamo emettere titoli tre volte superiori all'esposizione", ha spiegato.
Mario Draghi dichiara di nutrire molte speranze per salvare la Grecia dove adesso " le condizioni generali sono più favorevoli di quelle per l'Italia".

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©