Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Due buone notizie per il Sud e la Campania


Due buone notizie per il Sud e la Campania
14/11/2013, 13:34

Due buone notizie. La spesa certificata presentata dall’Italia a Bruxelles nell’attuazione dei programmi comunitari ha fatto registrare per il Mezzogiorno un significativo passo in avanti. Le Regioni dell’obiettivo convergenza, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria, si sono infatti attestate al 43,1% del totale, superando la percentuale fissata dall’Unione europea, vale a dire il 42%. La percentuale raggiunta dalle Regioni più sviluppate è stata largamente superiore (57,1%), ma in questo caso non si è conseguito il traguardo a suo tempo stabilito del 60%. In pratica, la differenza delle soglie definite si spiega con la presenza di importanti opere infrastrutturali, che allungano notevolmente i tempi di realizzazione per le Regioni meridionali. La scadenza definitiva resta quella del 31 marzo 2017. E’ lì che si vedrà se le Regioni saranno riuscite a spendere completamente quanto loro assegnato, o se saranno state sprecate delle risorse.
L’altra buona notizia è l’annuncio del Governatore della Campania Caldoro di aver concordato con il Ministero dell’Economia un mutuo trentennale con il quale affluiranno nelle casse di Palazzo Santa Lucia circa 3 miliardi e 500 milioni, finalizzati a coprire i debiti contratti dalla Regione e dagli enti locali dal 1988 al 2012.Creditori del secolo scorso e interlocutori economici delle amministrazioni pubbliche più recenti potranno finalmente riscuotere le loro spettanze. Secondo le prime stime dovrebbero essere saldate diciottomila fatture non ancora liquidate per complessivi millecinquecento creditori. Tra gli enti locali, chi riceverà di più per poter pagare i propri debiti sarà il Comune di Napoli, verso il quale saranno indirizzati una sessantina di milioni.
Una bella boccata d’ossigeno per l’economia in un momento difficile, che dimostra la concretezza dell’impegno di Caldoro e della sua Giunta, nella quale si distinguono profili tecnici di sicura qualità come quello dell’Assessore Cosenza. La nota critica, se mai, sta nel fatto che a volte traguardi in apparenza ormai a portata di mano si allontanano per l'inerzia della macchina amministrativa o per la preoccupazione da parte di qualche dirigente di assumersi eccessive responsabilità di firma.
In un panorama grigio come quello che segna questi anni, è apprezzabile il doppio risultato ottenuto dal Mezzogiorno e dalla Campania in questi giorni. Consapevoli chel’opera avviata va continuata e ponendo attenzione a che la burocrazia non svilisca parte delle conquiste raggiunte. (Fonte: Lepre Group)

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©