Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il Presidente della Bce alla Luiss

Economia: la "ricetta" di Draghi, riforme e meno tasse

Per risanare conti occorre tagliare la spesa

Economia: la 'ricetta' di Draghi, riforme e meno tasse
07/05/2013, 09:59

ROMA  - Chiede di "mitigare" gli effetti recessivi del risanamento dei conti privilegiando "le riduzioni di spesa pubblica corrente e quella delle tasse", il presidente della Bce Mario Draghi.  Secondo Draghi, che ha parlato  durante una cerimonia alla Luiss dove gli è stata conferita una laurea honoris causa, in Europa , "la tassazione é già elevata in qualunque confronto internazionale".   

Per Draghi: "oggi la crescita è più debole in alcuni Paesi che in altri non solo perché il credito è scarso; era più debole anche prima della crisi, nonostante una crescita spesso tumultuosa della spesa pubblica, perché non si erano volute affrontare fragilità strutturali di cui oggi sentiamo tutto il peso", e le riforme per rilanciare la crescita passano attraverso "un'efficace promozione e tutela della concorrenza", un "adeguato grado di flessibilità del mercato del lavoro che sia ben distribuito fra generazioni", una "burocrazia pubblica che non sia d'ostacolo alla crescita", "un capitale umano adatto alle sfide poste dalla competizione globale", ha sottolineato Draghi.

Il presidente della Bce, in ultimo,  lancia  l'allarme sulla disoccupazione che in alcuni paesi europei specie "quella giovanile" ha raggiunto "livelli" che "rischiano di innescare forme di protesta estreme e distruttive". Per Draghi occorre "una crescita duratura" per ridurre la disoccupazione.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©