Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ECONOMIA MONDIALE A RILENTO


ECONOMIA MONDIALE A RILENTO
29/01/2008, 17:01

Il Fondo monetario internazionale taglia le stime di crescita dell'economia mondiale nel 2008 al 4,1% sulla scia degli effetti delle turbolenze finanziarie, in uno scenario che si mantiene sempre negativo. In base alle nuove proiezioni dell'aggiornamento del World Economic Outlook (Weo), le nuove previsioni, riviste con la nuova metodologia di calcolo (lo standard PPP), scontano lo 0,3% in meno sulle previsioni corrette dello scorso ottobre e si collocano molto al di sotto del 4,9% registrato lo scorso anno.
Dopo la forte e inattesa crescita del terzo trimestre 2007, l'economia mondiale ha iniziato a moderare il passo con l'intensificarsi delle turbolenze finanziarie. All'origine del fenomeno, ricorda l'Fmi, c'é il crollo negli Usa del comparto dei mutui subprime che, riflettendosi nei bilanci delle banche, continuano a destabilizzare i mercati, aumentando i livelli di incertezza. Lo scenario, resta negativo perché l'instabilità finanziaria potrebbe ridurre ancora la domanda interna nelle economie avanzate con la possibilità di contagio ai mercati emergenti e in via di sviluppo. Sul medio termine potrebbe affievolirsi il sostegno delle economie emergenti alla crescita globale, mentre resta, tra i punti di maggiore incertezza, l'azione di politica monetaria stretta tra l'esigenza di equilibrio tra rallentamento della crescita e rialzo dell'inflazione. In più, gli squilibri globale sono possono ampliarsi in presenza della forte volatilità dei mercati.

Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©