Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Si tratta in particolare di alberghi, stazioni e aeroporti

Emersi 560mila immobili fantasma

La rendita nazionale ammonterebbe a 34 miliardi di euro

Emersi 560mila immobili fantasma
01/06/2011, 21:06

ROMA - Grazie all'emersione di 560.837 unità immobiliari urbane (su 1.065.484 particelle) con la regolarizzazione spontanea terminata il 31 aprile 2011, ammonta a 415,5 milioni la rendita catastale in più (l'1,2% della rendita catastale nazionale) che sarà soggetta alle imposte. Il direttore dell'Agenzia del Territorio Gabriella Alemanno ha annunciato che partono ora i sopralluoghi e l'attribuzione delle rendite presunte per le restanti 1.626.659 particelle catastali che dovranno essere accertate. Alberghi, stazioni, porti e aeroporti, strutture di proprietà di enti pubblici rappresentano la fetta più cospicua di rendita emersa. Più bassa invece è quella ricavata dale abitazioni. Alcuni immobili sono stati abbattuti per ragioni diverse: in alcuni casi si trattava di immobili abusivi oppure perchè il proprietario considerava la tassazione troppo onerosa. Nei confronti di chi non ha dichiarato gli immobili dai primi giorni di maggio è scattata la seconda fase del piano di emersione con sopralluoghi esterni nei confronti di chi non ha dichiarato gli immobili. L'emersione di tutti gli immobili fantasma ammonterebbe a circa 34 miliardi di euro.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©