Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

EUFORIA FINITA NELLE BORSE, SUBENTRA LA DEPRESSIONE


EUFORIA FINITA NELLE BORSE, SUBENTRA LA DEPRESSIONE
15/10/2008, 15:10

A guardare le Borse, sembra di assistere all'atteggiamento di un tossicodipendente di cocaina: prende la dose e per un po' si sente su di giri; poi l'effetto finisce e subentra la depressione. Fuor di metafora, dopo i rialzi degli ultimi due giorni, oggi tutte le Borse europee sono in rosso: Londra -3%, Parigi e Francoforte -2%, Milano -1%. Anche i futures sull'apertuna di Wall Street prevedono un inizio col segno meno. A scatenare il panico, le dichiarazioni di Janet Yellen, Presidente della Federal Bank di San Francisco, che ha dichiarato che gli Stati Uniti sono già in recessione, visto che la crescita del PIL nel terzo trimestre è stata vicino allo zero e che nel prossimo si prevede un ulteriore arretramento.

In questa situazione, scende anche il prezzo del petrolio, che oggi scende sotto i 75 dollari al barile, fermandosi a 74,97 dollari. Era da agosto 2007 che nonsi avevano questi valori. Naturalmente, se qualcuno si aspetta di vedere il prezzo della benzina, in Italia, sotto 1,3 euro, come era un anno fa, ha una grossa delusione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©