Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

A Napoli Forum dei Commercialisti

Evasione: 250 miliardi sottratti al Fisco -video

Presenti Achille, Laurini, Altiero, Capuano

.

Evasione: 250 miliardi sottratti al Fisco -video
21/02/2014, 11:37

NAPOLI - 250 miliardi di euro sottratti al Fisco. A tanto ammonta l’evasione fiscale in Italia. È importante, dunque, discutere di evasione fiscale e delle novità messe in campo per circoscrivere il fenomeno. In primis, le indagini finanziarie che rappresentano uno strumento di supporto all’attività di accertamento dell’Agenzia delle Entrate.

Nel “Forum sull’evasione fiscale e cultura della legalità, dalle indagini finanziarie alla legge di stabilità”, organizzato dall’Ordine dei Commercialisti di Napoli, si è parlato anche di un’imponente operazione di monitoraggio fiscale che nel2013 hainteressato ben 30 milioni di conti correnti bancari.

“I dati sull'evasione fiscale sono spaventosi: secondo le stime in Campania mancano 22 miliardi di euro. Se pensiamo che lo Stato ha dovuto reperire due miliardi per non far pagare l'Imu ai cittadini italiani, possiamo capire quale sia la portata di questo fenomeno”. Lo ha detto Alberto Capuano, giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Napoli, nel corso del forum “Lotta all'evasione e cultura della legalità: dalle indagini finanziarie alla legge di stabilità”, organizzato dall'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli guidato da Vincenzo Moretta.

“L'Agenzia delle Entrate è ovviamente in prima fila nel contrasto all'evasione fiscale”, ha evidenziato il direttore dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera in un videomessaggio. “La sospensione della ritenuta del 20% sui redditi da attività finanziarie detenute all'estero si inserisce proprio in un contesto di collaborazione all'interno dell'Europa, secondo i dettami dell'Ocse e del G20. La norma era stata introdotta recentemente ma pensata due anni fa, quando lo scambio di informazioni non era ancora a questi livelli”.

“L'evasione fiscale è un problema nazionale che va assolutamente risolto – ha sottolineato Vincenzo Moretta – C'è bisogno di maggiori forze in campo e di una cultura della legalità che sia diffusa nel paese. Le indagini finanziarie si aggiungono a strumenti quali redditometro e spesometro, e quindi vanno utilizzate con grandissima prudenza, puntando sulle evasioni eclatanti”.

“Abbiamo avviato, in linea con quelli che sono gli indirizzi già collaudati dalle autorità di vertice, l'attività di contrasto all'evasione fiscale per il 2014 – ha spiegato Domenico Achille, comandante interregionale dell'Italia meridionale della Guardia di Finanza – L'obiettivo è quello di stanare l'evasione fiscale sostanziale con controlli rigorosi”.

“L'evasione fiscale va contrastata anche concedendo detrazioni alle famiglie per quanto riguarda le spese per la salute, per la casa, per l'educazione”. E' la ricetta di Maurizio Leo, ordinario presso la Scuola Superiore di Economia e Finanze. “Bisogna però ridurre la pressione fiscale, che ha raggiunto livelli (il 44%) non sostenibili. Questo sarà possibile abbattendo la spesa pubblica, un moloch che ci sta costando tantissimo”.
 
All'incontro sono intervenuti Luigi Frunzio, direttore generale del Ministero di Giustizia - Affari Penali; Libero Angelillis,  direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate;  Nicola Altiero, comandante del Nucleo di Polizia Tributaria della Gdf di NapoliImmacolata Vasaturo, consigliere Odcec Napoli; Achille Coppola, presidente associazione Impegno Civile; Giancarlo Laurini, commissario straordinario del Cndcec, i commercialisti Renato Portale e Pasquale Saggese.

 

 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©