Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

FED: COSTO DEL DENARO AI MINIMI STORICI


FED: COSTO DEL DENARO AI MINIMI STORICI
16/12/2008, 22:12

 

La Federal Reserve con una mossa a sorpresa ha deciso oggi di abbassare il costo del denaro ai minimi di sempre, in una forchetta compresa fra lo 0% e lo 0,25%, a seconda delle necessità che si presenteranno. La banca centrale Usa ha così evitato una riduzione secca dei tassi, come avvenuto finora, preferendo una soluzione flessibile che le consentirà di agire a seconda delle circostanze.

La decisione è stata presa all' unanimità ed è senza precedenti, in quanto appunto anziché tagliare il tasso di riferimento si è optato per una soluzione più articolata. La banca centrale ha aggiunto che il livello in pratica azzerato del costo del denaro continuerà a sussistere per "qualche tempo" in considerazione della gravità della situazione dell' economia. Negli ultimi 14 mesi la Fed ha operato ben nove tagli del costo del denaro, a cominciare dal settembre dello scorso anno, quando i Fed Funds si trovavano al 5,25%. La Fed ha aggiunto anche che continuerà a sostenere i mercati finanziari attraverso il riacquisto di emissioni in grande quantità, riferite sia al debito delle agenzie governative che operano nel settore immobiliare che più in generale a securities ancorate a questo stesso comparto.

PROSPETTIVE ECONOMIA SI SONO ULTERIORMENTE INDEBOLITE
"Dall'ultimo meeting le condizioni del mercato del lavoro sono deteriorate e i dati disponibili sui consumi, gli investimenti e la produzione industriale sono calati. I mercati finanziari restano in tensione e le condizioni del credito si sono street. Complessivamente le prospettive per l'attività economica si sono ulteriormente indebolite".

Lo afferma la Fed. "Allo stesso tempo le pressioni inflazionistiche sono diminuite in modo apprezzabile. Alla luce del calo dei prezzi dell'energia e delle commodity e delle deboli prospettive economiche, le aspettative di inflazione si modereranno nei prossimi mesi". Il Fomc - prosegue la nota - sta "valutando i potenziali benefici dell'acquisto di titoli del Tesoro a lungo termine". La decisione odierna di portare i tassi a un livello così basso, e che probabilmente sarà mantenuto "per diverso tempo" data la situazione economica, è stata presa "all'unanimità".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©