Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Festival dell'economia: i lavori di sabato Alla "Tenda aperta"


Festival dell'economia: i lavori di sabato Alla 'Tenda aperta'
06/06/2011, 11:06

Alla "Tenda aperta" della Provincia autonoma di Trento - Le misure di sostegno alle imprese nella provincia di Trento sono state declinate in varie modalità: tramite prestiti partecipativi che hanno permesso l’abbattimento del mutuo fino al 15% dello stesso, misure di private equity ovvero attività finanziarie attraverso le quali un investitore istituzionale rileva quote di una società acquisendo azioni da terzi o emettendo di nuove apportando così nuovi capitali. Inoltre sono stati stabiliti dei fondi di riassetto finanziario per consentire alle aziende di spalmare i debiti a breve termine su un periodo più lungo. Di questo si è parlato nella quarta conversazione de "La Tenda aperta" in piazza Duomo con Claudio Moser, dirigente Generale A.P.I.A..E (agenzia provinciale per gli incentivi alle imprese) , Elisabetta Sovilla, direttore ufficio del dipartimento industria, artigianato e miniere della Provincia autonoma di Trento, Mauro Casotto vicedirettore generale di Trentino Sviluppo e con Massimiliano Nobis, segretario generale FIM CISL del Trentino.

A "Passato Presente" un caso matematico fa parlare di sé in termini positivi - dopo il collasso dell'Unione Sovietica alcune centinaia di brillantissimi matematici russi sono emigrati negli Stati Uniti. L'arrivo di questi cervelli ha influito grandemente sul numero e sulla qualità delle pubblicazioni dei matematici americani. George Borjas, professore ad Havard, ha illustrato al Festival dell'economia la lezione che si può trarre da questa esperienza.



Presentati i libri di Piero Bevilacqua e Roberta Carlini -
Un dialogo a distanza tra due opere, due libri che raccontano la crisi vista e vissuta dagli italiani ed i piccoli gesti messi in campo per superarla. Con un filo rosso che li lega al pensiero di Karl Marx, alla convinzione che, per cambiare le cose, serva guardarsi alle spalle. Si tratta di "Il grande saccheggio. L'età del capitalismo distruttivo" del docente di Storia contemporanea all'Università La Sapienza, Piero Bevilacqua, e "L'economia del noi. L'Italia che condivide" di Roberta Carlini, giornalista de L'Espresso e caporedattore di "ingenere.it", entrambi editi da Laterza e presentati per la rassegna "Incontri con l'autore".

Il confronto di Informatica Trentina e Assinter Italia tra in-house e mercato  Siamo nel XXI secolo, ma a dircelo non è un comune calendario a parete, bensì le parole dei figli della terza rivoluzione industriale, che nel loro vocabolario hanno già completamente acquisito termini quali internet, wireless, social network e via dicendo. Le società oggi non hanno più semplici pareti di mattoni, ma spazi web, sottili confini virtuali. Ed è in questo mutato scenario che la pubblica amministrazione deve evolvere le proprie relazioni con il mercato, fondare società in-house e stabilire nuovi contatti con il mondo privato delle imprese. Un esempio in tale direzione è rappresentato dalla provincia di Trento, “territorio destinato a diventare piattaforma produttiva di alta tecnologia” come ha ricordato l’assessore provinciale all'industria Alessandro Olivi.

Giulio Napolitano analizza ascesa e declino delle istituzioni di fronte alla crisi finanziaria - Quando è scoppiata la crisi finanziaria gli Stati di tutto il mondo sono stati chiamati a salvare un sistema creditizio al collasso. L'intervento è riuscito ad evitare il peggio ma la terapia ha aggravato l'esposizione debitoria degli Stati, ha ridotto le risorse pubbliche da investire per finalità collettive, ha minacciato la stabilità della moneta unica. Di fronte alla crisi del debito sovrano, gli Stati europei hanno iniziato ad assicurarsi l'uno con l'altro e ad impegnarsi a rispettare più severi parametri di finanza pubblica.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©