Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Machionne conferma la chiusura dello stabilimento nel 2012

Fiat, scioperi a Termini Imerese


Fiat, scioperi a Termini Imerese
12/01/2010, 22:01

PALERMO - Dopo le dichiarazioni dell’AD di Fiat Sergio Marchionne che da Detroit ha detto che lo stabilimento di Termini Imerese deve chiudere nel 2012 i lavoratori sono sul piede di guerra.
Infatti le parole del numero uno del Lingotto non sono andate giù agli operai siciliani, che hanno deciso di scioperare dalle 7,30 alle 8,30, una prima squadra, e dalle 9,30 alle 10,30 una seconda squadra. Intanto, gli operai, si stanno preparando allo sciopero di 8 ore proclamato dai sindacati per domani e che culminerà con una manifestazione che si terrà davanti al Palazzo dei Normanni di Palermo, sede del parlamento siciliano.
E dalla Uilm arriva la proposta di due ore di sciopero dei lavoratori di tutto il gruppo Fiat anche a sostegno di Termini Imerese, che sarà girata giovedì alle segreterie unitarie dei sindacati metalmeccanici convocate per fare il punto sul piano industriale del Lingotto e decidere la mobilitazione contro la decisione di chiudere lo stabilimento siciliano. "Su Termini c'è un'ambiguità di Fiat, ma anche del governo e della stessa regione siciliana", spiega il leader delle tute blu della Uil, Tonino Regazzi, ribadendo la disponibilità del sindacato "a verificare tutte le possibili soluzioni perché in quel sito si continui a produrre auto che resta uno dei settori più importanti di ogni Paese".

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©