Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Fisco: Gabriele, serve moratoria scadenza avvisi bonari Unico 2012


Fisco: Gabriele, serve moratoria scadenza avvisi bonari Unico 2012
29/07/2013, 12:14

ROMA - “In questi giorni si è avuta una recrudescenza da parte dell’Agenzia delle Entrate di invii di avvisi bonari relativi alla Dichiarazione dei redditi Unico 2012. Appare incredibile una tempestività da parte dell’Agenzia delle Entrate dell’invio di tali avvisi con relative dichiarazioni ancora sotto possibilità di ravvedimento con scadenza entro il 30/09/2013, ravvedimento che peraltro non viene meno, ma vengono cristallizzate le sanzioni al 10% con notevole aggravio nei confronti dei contribuenti. Si richiede una moratoria della scadenza al pari del periodo feriale amministrativo, 1 agosto-15 settembre, al fine di poter affrontare in maniera corretta e serena le problematiche ad essi inerenti”. Lo ha detto Carlo Gabriele, presidente dell’Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili di Pescara.

“Appare inverosimile – spiega ancora Gabriele - una ventata di invii in questo periodo, attese le numerosissime scadenze che attanagliano la nostra categoria, con conseguente aggravio di lavoro, e le difficoltà operative che anche quest’anno hanno reso necessaria una proroga di tutti gli adempimenti fiscali. Inoltre il fatto più rilevante è che tali avvisi, qualora non corretti, dovrebbero essere lavorati direttamente presso l’Agenzia delle Entrate, in un periodo dove è forte l’assenza dei dipendenti per le normali ferie estive, con conseguente e naturale diminuzione del servizio all’utenza”.

“A questo punto, quindi, si presentano due difficoltà – continua il presidente di Unagraco Pescara - La prima è quella operativa, che riguarda l’accesso presso l’Agenzia, e la seconda quella di carattere procedurale relativo all’accavallamento con le importantissime scadenze di periodo. Inoltre si richiede una rivisitazione nonché una concertazione degli invii massivi dell’Agenzia delle Entrate in periodi sicuramente diversi da quelle delle dichiarazioni fiscali”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©