Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

A Bologna la marcia delle “vedove delle vittime” della crisi

Fisco: il governo stanzia 2,2 mld di rimborsi Iva alle imprese

Subito 400 mln di euro: 1,8 mld a partire da metà maggio

Fisco: il governo stanzia 2,2 mld di rimborsi Iva alle imprese
04/05/2012, 16:05

ROMA - Buona notizia in arrivo per le imprese italiane in difficoltà, alle prese con i ritardi sui rimborsi Iva. Il ministero dell’Economia e delle Finanze, infatti, ha deciso di stanziare 2,2 miliardi di euro per le undici mila partite Iva presenti sul territorio, che otterranno così un grosso contributo di liquidità per pagare i rimborsi di crediti Iva. Nello specifico, di questa somma complessiva, 400 milioni di euro saranno erogati già nei prossimi giorni, mentre 1,8 miliardi verranno pagati a partire dalla seconda metà del mese di maggio. Con questo sostanzioso “contributo”, viene fatto sapere, la somma complessiva rimborsata a imprese, artigiani e professionisti nel 2012 arriverà a 3,1 miliardi di euro: il 14 per cento in più rispetto alla somma erogata nello stesso periodo del 2011.
Si tratta di un segnale incoraggiante che arriva all’indomani dell’episodio di esasperazione verificatosi all’Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia (Bergamo), e nel giorno in cui le ribattezzate “vedove delle vittime” della crisi e i disoccupati hanno deciso di marciare a Bologna, per ricordare le vittime dei suicidi causati dalla crisi (sono 32 secondo la Cgia). Proprio in loro ricordo, nel capoluogo emiliano, è stato organizzato prima un presidio davanti all’ospedale Maggiore poi una marcia silenziosa fino all’Agenzia delle Entrate, dove un mese fa Giuseppe Campaniello si diede fuoco perché strozzato dai debiti (il suo caso è solo uno dei tanti che negli ultimi mesi hanno riempito le pagine di cronaca nera). Alla marcia ha preso parte anche Tizia Marrone, moglie dello stesso Campaniello, insieme a imprenditori, disoccupati ed esodati.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©