Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Regolamentare le aree del sistema finanziario e bancario

Fmi: L’appello di Draghi ai Governi del G20


Fmi: L’appello di Draghi ai Governi del G20
25/09/2011, 10:09

 ROMA – Mario Draghi lancia un appello durante il suo intervento,  presentato in occasione della riunione del Comitato monetario e finanziario internazionale dell'Fmi.  Il governatore della Banca d'Italia e presidente del Financial stability board, viste  le tensioni dei mercati finanziari ,  si rivolge  direttamente  ai leader dei Governi del G20, spronandoli a fare la loro  parte,  con una forte azione che rafforzi  i bilanci e la competitività economica globale.
Draghi scrive, i Governi che fanno parte dei club degli Stati di vecchia e nuova industrializzazione “devono fare la loro parte - agendo con forza per rafforzare le posizioni fiscali e aumentare la competitività, attraverso riforme strutturali con scadenze concrete”.
E allo steso tempo dice Draghi,  che dal prossimo 1° novembre succederà a Jean-Claude Trichet alla presidenza della Banca centrale europea :   “il settore finanziario dovrà continuare a riparare e a rafforzare i bilanci delle banche per ricostruire la capacità di reagire agli shock. Il Financial stability board - sottolinea - sta attentamente monitorando gli sviluppi dei mercati e le azioni per rafforzare i bilanci bancari, e i suoi membri stanno lavorando per sostenere la stabilità finanziaria”.
Secondo Draghi sono cinque le aree del sistema finanziario-bancario che devono essere regolamentate:
- vigilanza e regolamentazione vanno introdotte ponendo innanzitutto limiti all'esposizione del sistema bancario regolamentato al sistema ombra e fissando requisiti patrimoniali in relazione al rischio dell'esposizione
- la seconda proposta è la regolamentazione dei fondi di mercato monetario
- la terza è regolamentare tutte le altre entità del sistema bancario ombra
- la quarta area riguarda la trasparenza delle operazioni di cartolarizzazione
- la quinta area riguarda il mercato dei pronti contro termine e quello del prestito titoli includendo misure sui margini di garanzia e sull'haircut applicato ai titoli oggetto delle transazioni

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©