Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

FORMAZIONE IN COMUNE TRA ITALIA E ECUADOR


FORMAZIONE IN COMUNE TRA ITALIA E ECUADOR
13/11/2008, 10:11

 

Ecuador e Italia sono ancora più vicini; in questi giorni l’Enaip Piemonte, Ente di formazione professionale delle Acli, e la Casa dei Popoli del Comune di Settimo Torinese hanno firmato un accordo quadro, quinquennale, con la Escuela de formaciòn empresarial Mons. Càndido Rada di Quito, un’istituzione educativa appartenente al Gruppo Sociale Fundo Ecuatoriano Populorum Progressio, che promuove lo sviluppo delle popolazioni povere dei settori rurali.
 
Obiettivo comune, individuare e attivare progetti di cooperazione tra i soggetti aderenti, che offrono reciproco appoggio dal punto di vista tecnico, logistico e finanziario. Come primo passo, si è pensato ad un corso di formazione professionale a distanza, per le persone migranti, provenienti in particolar modo dall’Ecuador, ma anche da Bolivia, Venezuela e Colombia, residenti in Piemonte. Un percorso che darà luogo al conseguimento del Diploma di Maturità, rilasciato dal Ministero dell’Educazione dell’Ecuador.
 
In seguito è stata avanzata la proposta di progettare corsi di lingua (italiano, spagnolo, quechua e altri idiomi) da realizzarsi in Ecuador, presso alcune comunità o presso le aule dell’EFE, sia per italiani che per ecuadoriani. Non ultimo, è prevista l’offerta di proposte di turismo comunitario responsabile, presso comunità ecuadoriane, che dispongano di adeguate strutture di accoglienza.
 
Per lo sviluppo delle attività l’EFE creerà a Settimo Torinese, presso la sede dell’Enaip, con l’appoggio degli altri partner italiani; una base solida per immaginare una collaborazione proficua e duratura, volta alla crescita ed al miglioramento di tutti i soggetti coinvolti.
 
Nella FOTO: da sinistra Ivan M. Garcia, Direttore dell’EFE, Ezio Bertolotto, Direttore dell’Enaip di Settimo, Claudia Durando, Responsabile della Casa Dei Popoli del Comune di Settimo, Mirella Cristiano, Assessore allo Sviluppo Economico e alla Cooperazione Internazionale della Città di Settimo Torinese.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©