Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il Comandante Generale della Finanza in congedo dopo 47 anni

GDF: D'Arrigo a Napoli saluta i militari e lascia il comando


.

GDF: D'Arrigo a Napoli saluta i militari e lascia il comando
18/05/2010, 13:05


NAPOLI - "Intendo ringraziare ciascuno dei 64mila finanzieri che compongono il corpo della Guardia di Finanza, per quanto hanno fatto in questi tre anni, un periodo che si chiude con un bilancio sicuramente positivo, grazie soprattutto al loro apporto". Così, il comandante generale della guardia di finanza, generale Cosimo D'Arrigo, ha salutato i militari intervenuti oggi a Napoli in occasione della sua visita al nucleo di polizia tributaria "Roppoli" e al comando interregionale meridionale nella caserma Zanzur, dove è stata ricevuto dal generale Vito Bardi. Il prossimo mese, infatti, il generale D'Arrigo lascerà l'incarico dopo 47 anni di servizio. Nel corso del suo intervento, D'Arrigo ha sottolineato i risultati ottenuti ed evidenziato le linee guida che hanno caratterizzato il suo comando, direttive "valide anche per il futuro": formazione del personale, investimenti nelle nuove tecnologie, "l'arma più efficace per la lotta alle economie illegali e i capitali illeciti" - dice - e, soprattutto, la cura dell'immagine: "i cittadini devono avere l'opportunità di conoscere cosa il Corpo fa per loro, cioé, devono poter sapere che la sicurezza viene assicurata in maniera uguale sia da noi che dalle altre forze dell'ordine". I risultati ottenuti dalle fiamme gialle, dice D'Arrigo, "sono un'entità misurabile: sono numeri e soldi, elementi oggettivamente verificabili e quelli conseguiti in questi tre anni, come avvenuto nel precedente triennio, sono risultati straordinari". Un trend in crescita, per D'Arrigo, "perché la Guardia di Finanza sta investendo in maniera giusta". In merito alla successione, il generale si è augurato che si possa trattare di un ufficiale della Guardia di Finanza: "si deve concludere l'iter parlamentare della legge che prevede la possibilità di nominare comandante anche un ufficiale della guardia di finanza". "Una volta approvata questa legge il governo potrà decidere se designare un ufficiale della Finanza o uno dell'Esercito e, come prima applicazione, mi auguro che il nuovo comandante sia scelto tra gli ufficiali della Finanza". Per quello che attiene le attività delle fiamme gialle in Campania il generale D'Arrigo ha posto l'attenzione su quanto è stato realizzato nella provincia di Caserta: "era necessario cambiare marcia ed è stato fatto con l'istituzione del 'Sistema Caserta', cioé con la possibilità di programmare le attività insieme alla magistratura". "Una cosa semplice da capire ma difficile da realizzare", sottolinea. Una sinergia che però si é concretizzata nell'ambito del comitato nazionale per l'ordine per la sicurezza pubblica: "si tratta di un sistema funzionante - ha concluso - che interesserà anche Napoli, anche se in maniera marginale, e che produrrà sicuramente risultati positivi"

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©