Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Giordano, Adiconsum: “L’esenzione da ogni spesa e imposta deve essere estesa a tutti i pensionati”


Giordano, Adiconsum: “L’esenzione da ogni spesa e imposta deve essere estesa a tutti i pensionati”
03/01/2012, 13:01


La legge “Salva-Italia” (284/11), ha avviato una seria lotta all’evasione e abbassato la soglia di utilizzo del denaro contante a 1.000 euro.

Una scelta che Adiconsum condivide – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale - ma che non può passare per un ulteriore aggravio a carico dei pensionati già colpiti da tutte le manovre del 2011. Non sono i pensionati gli evasori fiscali che sottraggono 120 miliardi di euro l’anno al fisco con conseguenti maggiori tasse a carico dei cittadini onesti.

Per tutti i pensionati, ora obbligati ad avere un conto corrente bancario o postale – prosegue Giordano - deve essere prevista la totale esenzione da ogni spesa e imposta se non possiedono altri conti correnti o carte di credito, e non solo per quelli al minimo di pensione. Scelta ancora più importante nel caso, auspicato, che la soglia venga ancora abbassata (300/500 euro).

Fondamentale, ad avviso di Adiconsum, è anche una campagna divulgativa per pensionati e per tutti i cittadini per informarli della riduzione a 1.000 euro del limite del utilizzo del contante. Campagna che deve vedere l’utilizzo della pubblicità Progresso, di un numero verde, di tutte le forme di comunicazione, anche straordinarie, da parte di banche e poste; attività che Adiconsum sta già svolgendo sul proprio sito e attraverso la propria TV.

Infine, ad avviso di Adiconsum, – conclude Giordano - le modifiche alla legge 248 dovrebbero prevedere una sanatoria per il precedente passaggio a 2.500 euro del saldo dei libretti al portatore, che, a causa della scarsa divulgazione della norma, sta creando difficoltà ai cittadini che, per non essersi adeguati per tempo, stanno ricevendo multe anche di 3.000 euro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©