Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

GLAMWEEK: BENEVENTO CROCEVIA DELLA MODA INTERNAZIONALI


GLAMWEEK: BENEVENTO CROCEVIA DELLA MODA INTERNAZIONALI
21/07/2008, 17:07

Cinquantatre aziende campane per venti buyers russi e greci: è il dato più significativo della “Glamweek”, la manifestazione di commercio e moda che per tre giorni trasformerà Benevento nel crocevia della moda internazionale. Dal 25 al 27 luglio infatti, dopo l’avvio con il seminario tecnico informativo organizzato stamane presso la Camera di Commercio di Benevento, avrà luogo l’iniziativa organizzata appunto dalla Camera di Commercio di Benevento nel quadro del programma regionale per l’internazionalizzazione dei distretti industriali (DGR n.560/07) “Campania Internazionale - Azioni di Internazionalizzazione del Sistema Produttivo Campano” dei PI “Distretti Industriali” e “Sistemi Locali a Vocazione industriale”  e curato della rete Sprint Campania e che promuove l’incontro domanda-offerta degli operatori nel settore moda, con il coordinamento della sede regionale dell’ICE.

I buyers arriveranno a Napoli venerdì e visiteranno in giornata il Cis di Nola per poi iniziare gli incontri B2B con i rappresentanti delle imprese campane, sabato poi faranno visita al distretto industriale di San Marco dei Cavoti ed alle imprese del distretto mentre domenica sempre presso la sede dell’ente camerale locale proseguiranno gli incontri B2B. Domenica sera infine, dopo una suggestiva visita guidata al centro storico di Benevento ed all’Arco di Traiano, a partire dalle 20.30 avrà luogo una sfilata di moda la cui scaletta ripercorrerà naturalmente le eccellenze del made in Campania che gli ospiti stranieri avranno avuto modo intanto di scoprire nelle aziende secondo l’innovativa formula buyers on the district. L’obiettivo dell’evento è quello di creare e rafforzare canali di accesso per le aziende della Campania ai mercati internazionali nonché rafforzare la competitività delle aziende appartenenti ai distretti industriali, promuovere l’immagine del sistema moda campana. Oltre ad una specifica assistenza tecnica per gli incontri BtoB, alle imprese partecipanti sono offerti i seguenti servizi aggiuntivi: informazioni sui paesi-mercati mediante seminario, organizzazione degli incontri di affari, logistica e servizio interpretariato.
“Tutti evocano le azioni di sistema – ha dichiarato il direttore di Sprint Campania Edoardo Imperiale – ma questo è un caso concreto. Le nostre imprese sono consapevoli che il mercato, che per definizione è internazionale, ormai è globale e quindi sono sempre più dinamiche. Non è un caso del resto se il settore della moda in Campania è in netta ripresa. Ed è tutto merito degli imprenditori”.
L’iniziativa organizzata dalla Camera di Commercio di Benevento rientra nel quadro del programma regionale per l’internazionalizzazione dei distretti industriali (DGR n.560/07) “Campania Internazionale - Azioni di Internazionalizzazione del Sistema Produttivo Campano” dei PI “Distretti Industriali” e “Sistemi Locali a Vocazione industriale”  curato della rete Sprint Campania e che promuove l’incontro domanda-offerta degli operatori nel settore moda, con il coordinamento della sede regionale dell’ICE. Le imprese coinvolte sono 560, i DI – SLVI interessati 9 con la seguente distribuzione geografica: 49,8% Napoli, 20% Caserta e le restanti imprese equamente ripartite tra le province di Benevento, Avellino e Salerno.
I settori interessati sono invece : gioielleria 31%, tessile 26%, agroalimentare 8%, calzature 7%, ICT 7%, metalmeccanico 4%, manifatturiero 4%, arredo casa 3%, chimica 2%, pelletteria 2%, edilizia 1%, legno 1%, servizi 1%, elettronica 1%.
Al seminario tecnico – informativo di stamane hanno preso parte il presidente Camera di Commercio di Benevento Gennaro Masiello, il direttore di Sprint Campania Edoardo Imperiale, gli Esperti Task Force ICE per l’International Trade & Customs Regulation Danilo Desiderio che ha parlato degli aspetti doganali e della contrattualistica in Russia, Aldo Corapi che ha presentato gli strumenti finanziari a sostegno dell’internazionalizzazione e, infine, il responsabile SIMEST c/o Sprint Campania Filippo Morese.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©