Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

All’inaugurazione presente anche il Presidente Fiat

Grugliasco, Marchionne: “ Non chiuderemo altri stabilimenti”


Grugliasco, Marchionne: “ Non chiuderemo altri stabilimenti”
30/01/2013, 11:17

TORINO – Per l’inaugurazione dello stabilimento Maserati a Grugliasco sono intervenuti Marchionne e John Elkann.
“Sono passati 10 anni da quando mio nonno non c'è più e da allora l'impegno per l'Italia e per Torino non è mai venuto meno: per volere della mia famiglia e di Sergio Marchionne, nonostante le difficoltà di mercato, abbiamo fatto scelte difficili, per poter continuare a produrre in Italia”, ha affermato il Presidente della Fiat.
In occasione dell’evento Marchionne ha dichiarato: “Sappiamo che il mercato dell'auto in Europa è in caduta libera, e forse non ha ancora toccato il fondo. Il 2012 è stato il quinto anno di declino consecutivo, uno dei peggiori degli ultimi 20".
Inoltra ha aggiunto: “Tutti i costruttori di massa perdono soldi in Europa e soffrono di un problema cronico di sovra capacità produttiva. Ma la Fiat non intende piegarsi alla crisi di mercato. Non intendiamo rassegnarci a perdere soldi in Europa”.
Arrivano le rassicurazioni: non si chiuderanno stabilimenti in Italia, conferma l’a.d. di Fiat.
“L'entrata in produzione della Maserati Ghibli e la successiva salita produttiva ci permetterà di assicurare un pieno impiego di tutti i lavoratori dello stabilimento entro la fine dell'anno”, specifica Marchionne.
Vuole spegnere il fuoco delle polemiche Marchionne in riferimento agli operai di Melfi ed alla cassa integrazione : “ Ennesima prova che la Fiat viene usata per fini politici. Usiamo la Fiat per ridare all'industria un futuro diverso e migliore”, ha concluso.

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©