Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Serviranno per il ponte sullo Stretto e la Tav

Il governo vara 8,7 miliardi di euro per le infrastrutture


Il governo vara 8,7 miliardi di euro per le infrastrutture
07/11/2009, 09:11

ROMA - E' stato dato il via libera, da parte del Governo, a progetti infrastrutturali per 8,7 miliardi di euro, dal Ponte sullo Stretto alle opere in Lombardia che supporteranno l’Expo 2015. Le decisioni sono state assunte dal Cipe, Comitato interministeriale per la programmazione economica.
Soddisfatto il Premier Silvio Berlusconi, che tiene a sottolineare che in questo modo «sale a 23 miliardi di euro la cifra per le infrastrutture concessa dal governo». Il ministro per le Infrastrutture Altero Matteoli parla di «successo, considerato anche il periodo di crisi economica imperante». 
LE OPERE - Le più importanti saranno il Ponte sullo Stretto, con 1,3 miliardi di euro: in questo caso si passerà alla fase di progettazione e cantierizzazione dell’infrastruttura che collegherà Sicilia e Calabria. Un'altra opera d'interesse è la Fiera dell'Expo: il finanziamento ammonta a 4,1 miliardi di euro, che sarà integrato da un corposo investimento anche per le nuove metropolitane milanesi. Al via anche il primo lotto dei lavori, da 500 milioni, per il terzo valico della linea Tav da Genova a Milano. «Si tratta di un’opera di importanza strategica per la Liguria», ha commentato il ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola.
AREE DISASTRATE - All'Abruzzo verrà destinato un miliardo di euro per il ripristino di edifici pubblici. Un ulteriore miliardo sarà destinato, dal ministero dell’Ambiente, alle aree della Sicilia che sono a rischi idrogeologico e che verranno messe in sicurezza.

Commenta Stampa
di Davide Schiavon
Riproduzione riservata ©