Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Addio anche alle rotte improduttive e agli aerei costosi

Il piano Lufthasna per salvare Alitalia: 6000 dipendenti e 2000 esuberi


Il piano Lufthasna per salvare Alitalia: 6000 dipendenti e 2000 esuberi
13/11/2017, 11:33

ROMA - Continuano le trattative del governo per rilanciare Alitalia e venderla a buone condizioni. L'ultima offerta presentata dalla compagnia aerea tedesca Lufthansa prevede il mantenimento di 6000 dipendenti, rispetto ai 2000 esuberi, considerati non necessari. Infatti il piano prevede anche di abbandonare quelle rotte che non sono remunerative e quegli aerei che consumano troppo carburante. Per questo piano, la società aerea tedesca pagherebbe allo Stato italiano 250 milioni. 

La trattativa è innanzitutto sul prezzo, considerato troppo basso: il governo vuole il doppio. Soprattutto alla luce del fatto che il primo semestre del 2017 ha avuto i bilanci in pareggio e quindi in cassa c'è gran parte del prestito ponte fatto dal nostro governo. Tuttavia, l'offerta Lufthansa,anche se priva dei servizi di terra, sembra la migliore rispetto alle altre. 

Infatti secondo gli esperti, l'offerta Easyjet sembra solo un modo per poter avere un vettore con base a Roma. Mentre il fondo Cerberus sembrerebbe intenzionato ad acquistare Alitalia solo per poi smembrarla e venderla a pezzettini. Insomma, fare quello "spezzatino" che il governo vorrebbe evitare per mantenere un certo livello occupazionale. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©