Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il Toro cede, ma resiste. Utile di 5 milioni per Lamborghini


Il Toro cede, ma resiste. Utile di 5 milioni per Lamborghini
31/07/2009, 20:07

Dopo aver raggiunto negli ultimi anni risultati record, Automobili Lamborghini S.p.A. ha chiuso il primo semestre 2009 registrando una contrazione delle vendite a livello globale. Nonostante il forte rallentamento economico nei principali mercati in cui opera, Lamborghini rimane una delle poche case automobilistiche a mantenere, nel complesso, una situazione di redditività.

Il fatturato dei primi sei mesi del 2009 è stato pari a 156,9 milioni di euro, in calo del 43,4% rispetto allo stesso periodo del 2008 (277,4 milioni di euro). L’utile ante imposte si è attestato a 5,4 milioni di euro rispetto ai 35,0 milioni di euro nel primo semestre 2008.

Le vendite hanno registrato una diminuzione pari al 37% con 825 vetture consegnate nei primi sei mesi del 2009 contro le 1.309 dello stesso periodo del 2008. Come previsto, i mercati che hanno mostrato una contrazione più marcata sono quelli che hanno maggiormente risentito dell’attuale difficile congiuntura economica.

Il maggiore rallentamento delle vendite si è verificato negli Stati Uniti, dove la diminuzione dei ricavi è stata pari al 52% con 207 vetture consegnate rispetto alle 431 del primo semestre 2008.

Alcuni mercati invece hanno registrato dati in controtendenza. L’Italia, secondo maggiore mercato a livello globale, ha raggiunto un volume di vendite pari a 122 unità nel primo semestre 2009, livello simile a quello dello stesso periodo del precedente esercizio. Anche il mercato svizzero è rimasto pressoché stabile con 49 vetture consegnate rispetto alle 51 del 2008, così come la Francia con 37 unità vendute contro le 43 dei primi 6 mesi del 2008. Germania e Regno Unito hanno registrato invece un sensibile calo delle vendite, rispettivamente del 52% e del 46,6%.

Fuori dall’Europa ha dato segnali di resistenza l’area del Medio Oriente, attualmente il quarto mercato mondiale per Lamborghini, con 61 vetture vendute contro le 79 del 2008. In Cina la crescita è rimasta stabile con un incremento delle vendite del 32% (29 unità consegnate contro le 22 del primo semestre 2008).

Il Presidente e Amministratore Delegato di Automobili Lamborghini, Stephan Winkelmann, ha commentato: “Come previsto, non siamo rimasti immuni alla recessione globale. Ma sono certo che la presenza di Lamborghini a livello mondiale e il brand appeal ci consentiranno di affrontare questo difficile momento fino a una completa risalita. Al momento sono due gli obiettivi fondamentali che guidano la nostra strategia aziendale e che ci consentiranno di reagire al contesto economico attuale preservando il successo del marchio: mantenere la profittabilità dell’azienda, un target confermato dai risultati dei primi sei mesi del 2009, e continuare a investire nel futuro e nelle nuove tecnologie applicate ai prodotti, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2”.
Perciò Lamborghini prosegue nella sua strategia di lungo termine. In particolare l’Azienda mantiene l’impegno di presentare almeno un nuovo prodotto ogni anno. Gli esempi più recenti di questo impegno sono il lancio della nuova Lamborghini Gallardo LP 560-4 Spyder, della Murciélago LP 670-4 SuperVeloce, e della nuova Gallardo LP 550-2 Valentino Balboni, la prima Gallardo a trazione posteriore realizzata in onore del celebre collaudatore Lamborghini di cui porta il nome.

Allo stesso tempo continueranno, come strategicamente pianificato, gli investimenti in Ricerca e Sviluppo e nella riduzione delle emissioni di CO2, per favorire una costante innovazione tecnologica e di prodotto. L’Azienda ha recentemente comunicato l’intenzione di completare il proprio programma di sostenibilità ambientale in tempi record presentando nuovi piani che consentiranno a Lamborghini di:

• ridurre le emissioni di CO2 prodotte dal proprio stabilimento del 30% entro il 2010
• ridurre le emissioni di CO2 prodotte dai propri veicoli del 35% entro il 2015

Nei prossimi cinque anni Lamborghini destinerà 35 milioni di euro per il raggiungimento di questo obiettivo.

La costante instabilità del mercato non consente di fornire previsioni per l’intero esercizio 2009. Tuttavia Lamborghini ritiene di riuscire a chiudere l’esercizio in utile continuando ad essere una delle poche imprese redditizie del settore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©