Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

In Campania il fisco recupera 635 milioni di euro


In Campania il fisco recupera 635 milioni di euro
05/04/2011, 11:04

In Campania il fisco recupera 635 milioni di euro. Accertati 2 miliardi di evasione con oltre 72 mila controlli. Strategia vincente del Fisco sulla strada del recupero dell’evasione in Campania. Crescono del 13% le somme riscosse (tab. 1) e la maggiore imposta accertata, grazie agli oltre 72 mila controlli mirati (il 10% del totale nazionale), si attesta a 2 miliardi di euro.

Controlli diversificati per tipo di contribuente – L’azione degli 007 del Fisco è sempre più diversificata e stratificata: i controlli per tipologia di contribuente consentono un maggiore presidio sulle imprese con numeri significativi: 46 accertamenti su grandi contribuenti, 1128 su imprese di medie dimensioni, 21870 su piccole imprese e professionisti, quasi 50 mila su persone fisiche, per un totale di oltre due miliardi di evasione rilevata (tab. 2).

Task force antifrode all’opera - Anche la strategia antifrode premia con i numeri: a fronte di 57 indagini fiscali le somme evase, diversificate in Iva, Imposte dirette e Irap ammontano ad oltre 450 milioni di euro (tab. 3).

A quota 750 gli accertamenti assistiti da indagini finanziarie che fanno emergere oltre 70 milioni di evasione e che si concludono, per 1/3 dei casi, con adesione, portando immediatamente in cassa (senza passare per il contenzioso) 7 milioni di euro.

Accertamento sintetico protagonista - Sul fronte delle persone fisiche vola l’accertamento sintetico del reddito. Nel 2010 il numero dei controlli in questo campo si attesta a 2618, e la maggiore imposta accertata supera i 52 milioni .

Compensazioni Iva sorvegliate speciali - Restano al centro delle strategie di controllo le indebite compensazioni tra debiti e crediti Iva, scoperte grazie a quasi 11 mila controlli (10% del totale nazionale). In questo settore, i debiti illecitamente compensati ammontano complessivamente a 350 milioni di euro, mentre il minor credito tocca i 161 milioni. Adesioni e strumenti “evita-lite” - Il metodo più gettonato per evitare le liti e risolverle in contradditorio col Fisco rimane l’adesione, che, con oltre 17 mila processi definiti fa incassare 110 milioni di euro al fisco campano.

“Risultati lusinghieri - afferma il Direttore Regionale della Campania Enrico Sangermano -. Anche nel 2010 abbiamo fatto la nostra parte e portato 635 milioni nelle casse dell’erario, con un incremento del 13% rispetto al 2009. Il cambio di rotta nell’approccio culturale alla evasione è lento ma già percepibile: nella società civile comincia a farsi strada il concetto che chi evade “è un ladro”, perché sottrae risorse all’intera collettività. Credo anche che il nuovo modello organizzativo dell’Agenzia delle Entrate stia facendo vedere concreti risultati. Le Direzioni Provinciali, da un lato, e i controlli basati sulla tipologia di contribuente anziché sul tipo di imposta, dall’altro, hanno permesso di segmentare in maniera più efficace i contribuenti da sottoporre a controllo con azioni mirate e non più generiche”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©