Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

In Italia è il momento di arrestare la povertà


In Italia è il momento di arrestare la povertà
04/11/2013, 17:12

L'Italia, insieme alla Grecia, è l'unico paese dell'Europa a 15 a non avere una misura nazionale contro la povertà. Qui si parla di povertà assoluta, non di chi non può permettersi di andare in vacanza d'estate. Si fa riferimento a chi ha problemi di alimentazione, di vestiario, di trasporti.
Sud e famiglie numerose sono al primo posto di questa sventurata graduatoria. Nel 2012 nel Mezzogiorno i poveri erano l’11,3%.
Il governo ha costituito un gruppo di lavoro. In genere accade quando non si intende risolvere un problema, ma stavolta c’è la speranza che possa rappresentare qualcosa di concreto. L’istituto da creare per affrontare la questione si chiama Sia, che sta per Sostegno all’inclusione attiva. L’obiettivo è di consentire a tutti l’acquisto di un paniere di beni e servizi ritenuto decoroso sulla base degli stili di vita prevalenti. Il sostegno economico non è però incondizionato. Il beneficiario s’impegna a perseguire concreti obiettivi di inclusione sociale e lavorativa. Non si tratta di un reddito di cittadinanza,rivolto cioè a tutti indistintamente, ma di un sostegno rivolto ai soli poveri.
In un momento così difficile per la tenuta sociale del nostro Paese, occorre agire, affrontare i nodi più spinosi. I mezzi si trovano, magari facendo un po’ di seriaspending review. (Fonte: Lepre Group)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©