Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

INAUGURATO IL CAVALCAFERROVIA DI VAIRANO-CAIANELLO


INAUGURATO IL CAVALCAFERROVIA DI VAIRANO-CAIANELLO
16/07/2008, 09:07

“L’inaugurazione del cavalcaferrovia di Vairano-Caianello rappresenta un caso di buona Italia che funziona anche a sud di Roma. Un esempio che ci fa sentire tutti sinceramente orgogliosi”. Così il presidente della Provincia di Caserta, Sandro De Franciscis, ha commentato la realizzazione dell’importante infrastruttura, nodo obbligato per il traffico che si sposta dalla dorsale tirrenica a quella adriatica e che finora è stato servito da una strettoia, causa di continui disagi. Alla cerimonia del taglio del nastro hanno partecipato i vertici di Rfi, che ha eseguito l’opera, gli assessori provinciali Ferdinando Bosco e Andrea Lettieri, il consigliere provinciale del collegio Massimo Visco, accanto ai sindaci di Caianello, Lamberto Di Caprio, e di Vairano Patenora, Giovanni Robbio. L’opera è stata benedetta dal parroco don Luigi De Rosa.

       “Il risultato che cogliamo oggi – ha sottolineato De Franciscis – è il frutto di un efficace percorso di programmazione e di collaborazione interistituzionale. La nostra delibera di Giunta che rendeva attiva la chiara volontà politica di incidere concretamente su una tormentata vicenda, durata praticamente 14 anni, risale all’ottobre del 2005. Con un mese di anticipo rispetto alla scadenza dei lavori, siamo qui oggi ad inaugurare quest’opera, mentre la decisione di non decidere per lungo tempo ha contrassegnato questa vicenda”. I sindaci dei due Comuni serviti dall’infrastruttura hanno sottolineato i danni all’economia del territorio causati dai ritardi del passato: “Danni concreti – hanno aggiunto – . Noi ci siamo battuti a tutti i livelli istituzionali per anni con l’obiettivo di realizzare l’opera, per questo siamo qui a ringraziare il presidente De Franciscis e la sua amministrazione per l’impegno profuso”.
 
LE TAPPE DEL PROGETTO
 
28 febbraio 1994: l’Anas emana un’ordinanza di inibizione del cavalcaferrovia al traffico pesante, preludio all’avvio dei lavori.
 
12 ottobre 2005: Nel corso di una riunione in Prefettura, l’assessore provinciale ai Trasporti Antonio Reccia comunica la decisione della Provincia di sostituirsi all’Anas.
 
17 ottobre 2005: La Giunta provinciale delibera uno stanziamento di fondi per l’opera pari a 258.228,45 euro.
 
18 gennaio 2007: Firma dell’accordo per la demolizione e ricostruzione del cavalcaferrovia.
 
29 dicembre 2007: Demolizione del cavalcaferrovia e avvio dei lavori di riqualificazione.
 
 
15 luglio 2008: Apertura del nuovo cavalcaferrovia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©