Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Federdistribuzione: "Serve intervento del Governo"

Istat, 2013 anno peggiore per vendite al dettaglio


Istat,  2013 anno peggiore per vendite al dettaglio
28/02/2014, 16:02

ROMA – Il presidente di Federdistribuzione, Giovanni Cobolli Gigli ha commentato i dati provvisori del mese di febbraio resi noti dall’Istat. "L'Istat ha fornito un quadro impietoso del Paese: il 2013 e' stato l'anno peggiore dall'inizio della crisi per le vendite al dettaglio (-2,1%), l'inflazione e' calata a febbraio al +0,5% -un tasso che evoca spettri di deflazione- e la disoccupazione a gennaio e' arrivata al 12,9%, il dato piu' alto dal 1977".

SALE L’INFLAZIONE. I dati pubblicato dall’Istituto parlano di un tasso di pari al +0,5% rispetto a febbraio 2013, in calo rispetto ai tre mesi precedenti che si erano attestati al +0,7%. "La crisi - prosegue Cobolli Gigli- non è ancora alle spalle, le famiglie continuano a soffrire e permangono le incertezze sul futuro. Diventa prioritario intervenire per dare solidità e continuità ai pochi segnali positivi che emergono, come la debole crescita congiunturale del Pil nell'ultimo trimestre del 2013 (+0,1%)".

L’INTERVENTO DEL GOVERNO. Il presidente di Federdistribuzione incita poi il Governo a intervenire, in tempi rapidi, con provvedimenti "che ridiano potere d'acquisto ai cittadini, in particolare ai meno abbienti, e riducano il peso fiscale per le imprese. Occorre ridare slancio ai consumi, vero motore della crescita, facendo sì che la ripresa della domanda interna si affianchi a un'esportazione che continua a 'tirare', favorendo in questo modo lo sviluppo della produzione industriale e quindi dell'occupazione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©