Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

L'indagine tiene conto delle differenze di stipendi

Istat: Bolzano è la città più cara, Napoli la più economica


Istat: Bolzano è la città più cara, Napoli la più economica
07/07/2010, 19:07

L'Istat ha appena diffuso i dati di una nuova ricerca sul costo della vita nelle diverse aree del paese e, in questo caso, gli analisti hanno tenuto conto nei loro calcoli anche delle differenze degli stipendi e, quindi, del potere d'acquisto dei cittadini di sud, nord e centro.
Dall'analisi è emerso una paese letteralmente a due velocità; con 12 punti di percentuale di differenza tra la città più cara (Bolzano) e quella in assoluto più economica (Napoli). Il costo della vita nella città del Trentino, infatti, supera del 5,6% la media nazionale mentre, per il capoluogo della Campania, i prezzi risultato abbattuti del 6,2% rispetto ai dati nazionali. Inutile precisare che, queste cifre, offriranno una ghiotta occasione alla Lega Nord per riproporre la differenziazione di salari e stipendi tra settentrione e meridione; con l'innalzamento dei compensi al Nord ed il decremanto degli stessi nel mezzogiorno.
Proseguendo con la particolare classifica, infatti, si nota che la seconda città più cara è Bologna (+4,9%) mentre, il terzo gradino del podio, è occupato da Milano (+4,7%). Per le città dove la vita costarebbe meno, invece, a Napoli seguono Campobasso
(-5,8%) e Potenza (-5,3%). Come si legge anche su Liberonews, i settori dove si registrano le maggiori differenze di prezzi sono quelli collegati al mercato degli immobili e poi all'acqua, all' energia elettrica, ai combustibili, ai servizi sanitari e alle spese per la salute.
Ai dati forniti dall'Istat, in ogni caso, va aggiunta la considerazione fondamentale che riguarda la fornitura dei servizi; senza ombra di dubbio più efficiente ed affidabile al Nord rispetto al Sud.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©