Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ISTAT: IN CAMPANIA IL PIL PRO CAPITE PIU' BASSO D'ITALIA


ISTAT: IN CAMPANIA IL PIL PRO CAPITE PIU' BASSO D'ITALIA
07/05/2008, 15:05

L'ISTAT ha presentato oggi il rapporto "100 Statistiche per il Paese". Tra le varie notizie interessanti, colpisce il valore sul PIL pro capite regionale. In Campania si arriva a malapena a 13.700 euro a persona all'anno. Per fare qualche paragone, a Bolzano, in Valle d'Aosta o in Lombardia, che sono le zone più ricche d'Italia, il reddito pro capiteraggiunge i 27000 euro; in Emilia Romagna e in Lazio i 25000. Malissimo anche Calabria e Puglia, che si attestano intorno ai 14000 euro all'anno pro capite. E con queste disparità si vuole fare il federalismo fiscale alla Bossi?

Dallo stesso volume si ricava che l'Italia ha un surplus primario (cioè la differenza tra entrate ed uscite, al netto degli interessi sul debito pubblico) tanto elevato da farla essere quarta tra i Paesi dell'Unione Europea. Cosa che, se ben sfruttata dal nuovo governo, può farci reggere bene l'impatto della crisi causata dall'aumento dei prezzi del petrolio. Poi è interessante che il livello dei consumi, pur essendostatisticamente in calo, raggiunge comunque l'80,7% del PIL, valore comunque a quasi tutti gli altri Paesi europei; gli investimenti invece non superano il 21% del PIL, uno dei valori più bassi riscontrati nella UE

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©