Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il dato complessivo a novembre sale al 12,7%

Istat: la disoccupazione giovanile sale al 41,6%


Istat: la disoccupazione giovanile sale al 41,6%
08/01/2014, 10:39

ROMA - Non cessa di salire la disoccupazione in Italia: a novembre 2013 ha raggiunto il 12,7%, il dato più alto mai registrato in Italia dal 1977, cioè da quando si misura questo dato. Un valore in aumento rispetto ad ottobre, quando la disoccupazione era del 12,5%; ma anche rispetto a novembre 2012, quando la disoccupazione era dell'11,3%. Il che vuol dire che negli ultimi 12 mesi ben 350 mila persone sono state licenziate, 57 mila solo come differenza tra ottobre e novembre. 
A pagare di più questa situazione sono gli uomini, il cui tasso di occupazione è sceso al 64,3% (-0,3% rispetto ad un mese fa e -1,7% rispetto ad un anno fa) e i giovani, il cui tasso di disoccupazione raggiunge il 41,6%. Significa che tra gli under 24 che cercano lavoro, quasi uno su due non riesce a trovarlo. Il tasso di occupazione resta uno dei più bassi di Europa, con il 55,4%, con una riduzione dell'1% rispetto al novembre 2012; mentre gli inattivi (cioè coloro che non lavorano e non cercano lavoro) restano sostanzialmente stabili. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©