Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ISTAT: META' DELLA POPOLAZIONE ITALIANA VIVE CON MENO DI 2000 EURO LORDI AL MESE


ISTAT: META' DELLA POPOLAZIONE ITALIANA VIVE CON MENO DI 2000 EURO LORDI AL MESE
22/12/2008, 12:12

L'ISTAT ha reso noti i dati relativi ai redditi medi in Italia; e il panorama, pur non sorprendente, si rivela a tinte fosche. Infatti il reddito medio nazionale è 23.083 euro all'anno lordi, pari a 1924 euro al mese. E come sempre ci sono le solite differenze tra Nord e Sud, con Bolzano e l'Emilia Romagna come le zone dove il reddito procapite è più alto; mentre la Sicilia è la regione con il reddito pro capite più in basso. E questo è dovuto soprattutto alle enormi differenze di reddito tra ricchi e poveri all'interno delle stesse zone geografiche esaminate. E soprattutto aumentano le persone che entrano nelle fasce povere. Il 5,3% delle famiglie dichiara di non avere avuto, nel corso del 2008, i soldi per comprare il cibo; mentre nel 2007 questa cifra si fermava al 4,2%. Inoltre sono il 15,4% - contro il 14,6% del 2007 - le famiglie che dichiarano di non arrivare a fine del mese.

Magari una percentuale può non dire niente, ma 9 milioni di persone (all'incirca tanto è il 15% della popolazione italiana) sono una cifra non indifferente. E cosa propone il Ministro del Welfare Maurizio Sacconi per risolvere la crisi? Di ridurre ulteriormente gli stipendi, generalizzando l'uso della cassa integrazione a rotazione, che consiste nel lavorare solo alcuni giorni la settimana, mentre negli altri si riceve una integrazione da parte dello Stato. In questa maniera il vantaggio sarebbe che le aziende potrebbero mantenere intatta la forza lavoro, ma la retribuzione dei dipendenti scvenderebbe di un 20% circa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©