Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Nel 2012 si andrà molto al di sotto del 2%

Istat: Pil al -2,5% nel secondo trimestre, mai così giù dal 2009


Istat: Pil al -2,5% nel secondo trimestre, mai così giù dal 2009
07/08/2012, 11:26

ROMA - Peggio del previsto i dati Istat sulla crescita del Pil. Nel secondo trimestre infatti si è toccato il -2,5% rispetto ad un anno fa e il -0,7% rispetto al primo trimestre del 2012. Si tratta del quarto trimestre consecutivo a crescita negativa, che dimostra quanto sia profonda la recessione che stiamo vivendo. Anche perchè un -0,7-0,8% a trimestre rende impossibile qualsiasi sviluppo economico.
La crescita acquisita (cioè quella che si avrebbe se nel resto dell'anno ci fosse una crescita zero) è pari al -1,9%. Quersto significa che se - come dicono le previsioni - il Pil calerà ancora di oltre mezzo puntio percentuale a trimestre, finiremo l'anno con un -2,5% o peggio. 
Si tratta di un crollo che non ha cause esterne, non viene dall'esterno, dalla crescita dello spread o altre cose del genere. Il calo è dovuto alle misure approvate prima dal governo Berlusconi e poi dal governo Monti, che hanno strangolato la domanda interna e aumentato la disoccupazione 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©