Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Dati inferiori al previsto per la crescita economica

Istat: Pil in calo e tasse in aumento nel primo trimestre


Istat: Pil in calo e tasse in aumento nel primo trimestre
13/05/2011, 10:05

ROMA - Nonostante tutti i proclami del governo, arrivano i dati a dire che la situazione economica italiana non va bene. Infatti l'Istat fa presente che la crescita del Pil si è arrestata nel primo trimestre del 2011, fermandosi al +0,1% rispetto all'ultimo quadrimestre del 2010. Mantiene un +1% rispetto al primo trimestre del 2010, ma le previsioni davano un +1,5%, necessario come primo passo per finire l'anno con un +1,3% come previsto dal governo.
A questo dato, si aggiunge l'aumento delle entrate: +4,6% nel primo trimestre dell'anno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Un aumento che è diviso abbastanza equamente tra imposte dirette (+4,3%) ed indirette (+4,9%).
Aumenta anche l'Iva (+5,6%) ma questo è dovuto soprattutto all'aumento delle importazioni (+29%), mentre la domanda interna resta debolissima (+1,3%). Aumentano anche le imposte sui giochi (+20%) e in particolare sul lorro (+64%). Buone entrate anche dall'imposta sul gas metano (+38%), dato che riflette il forte aumento del consumo avuto questo inverno, particolarmente freddo.
Continuano gli incassi dovuti ai meccanismi che favoriscono Equitalia ed opprimono i cittadini: per lo Stato un aumento del 30%, ma a quale prezzo? Quanti di questi soldi sono dovuti veramente e quanti sono stati presi da Equitalia con la forza, anche se secondo legge?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati