Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

In Italia la disoccupazione sale, in Europa scende

Istat: sempre più alta la disoccupazione giovanile, 29,4%

Il dato complessivo è dell'8,6%, in aumento

Istat: sempre più alta la disoccupazione giovanile, 29,4%
01/03/2011, 11:03

ROMA - Dati negativi per l'occupazione italiana, ancora in salita nel mese di gennaio. Siamo arrivati all'8,6% come dato complessivo, con l'aumento di 2000 disoccupati rispetto a dicembre 2010. Ma il dato più grave è l'elevatissima disoccupazione giovanile, che raggiunge il 29,4%, contro il 28,9% di dicembre. Si allarga anche la distanza tra uomini e donne, con i primi per cui la disoccupazione diminuisce, mentre per le seconde aumenta. Su base annua, cioè facendo il confronto con il gennaio 2010, la disoccupazione è aumentata di 58 mila unità, pari al 2,8%
Dato negativo anche per l'occupazione, ridottasi di 110 mila unità. La differenza con la maggiore disoccupazione la fanno gli inoccupati, cioè coloro che non cercano più lavoro, scoraggiati dall'eccessiva carenza.
ANche se il nostro dato è migliore della media europea, la distanza si sta riducendo. Infatti in Europa la disoccupazione è in calo, essendo passata dal 10% al 9,9%; anche nel complesso della Ue il dato diminuisce, passando dal 9,6% al 9,5%

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©