Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Outlook negativo. Si passa a A+da AA-

Italia declassata dalla Fitch.Debito sovrano in netto calo

"Ci vorrà del tempo per guadagnare nuovamente la fiducia"

Italia declassata dalla Fitch.Debito sovrano in netto calo
07/10/2011, 20:10

Adesso l’Italia perde anche l’affidabilità del debito sovrano italiano. Una situazione, quella del nostro paese che non sembra essere proprio destinata a decollare verso la ripresa e ha rendere il tutto ancora più gravoso anche la Fitch. Dopo Standard & Poor's e Moody's anche la terza tra le grandi agenzie di rating mondiale taglia il grado di affidabilità del debito sovrano italiano così come ha tagliato il rating sul debito sovrano spagnolo.
Il declassamento abbassa il rating dell’Italia di lungo termine a A+ da AA- con out look negativo. Mentre quella di breve termine scende a F1 da F1+. Ad aver spinto la Fitch a tale considerazioni “l'intensificarsi della crisi della zona euro che costituisce un significativo shock finanziario ed economico che ha indebolito il profilo di rischio sovrano dell'Italia”. Ha riferirlo è stata proprio la Fitch, che ha poi continuato in una nota dicendo che :”una soluzione credibile e complessiva della crisi è politicamente e tecnicamente complessa e ci vorrà tempo per realizzarla a per guadagnare la fiducia degli investitori”.
“l'iniziale risposta esitante del governo al rischio di contagio ha eroso la fiducia del mercato nella sua capacità di condurre in modo efficace l'Italia attraverso la crisi dell'Eurozona”ha comunicato in un secondo momento Fith che tuttavia ammette che “la recente manovra di bilancio «ha rafforzato in modo sostanziale lo sforzo di consolidamento fiscale”.
Le previsioni previste dall’azienda si aspettano che l’Italia rispetti nel 2011 gli obiettivi di un deficit pari al 3,9% del Pil con un surplus primario vicino all'1%, nel quadro di un aggiustamento fiscale che è raggiungibile, anche per via dei benefici ottenuti con la riforma previdenziale.
Interviene sulla questione anche il direttore generale di Bankitalia, Fabrizio Saccomani che tiene a precisare che il downgrade di Fitch sull’Italia:” non è un elemento nuovo. Queste agenzie agiscono un po' come un branco- ha poi aggiunto- Le banche italiane hanno un grado di solidità e di capitalizzazione assolutamente adeguato in relazione agli standard europei”.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©