Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

ITALIA: DEFICIT/PIL AL 3,8% NEL 2009


ITALIA: DEFICIT/PIL AL 3,8% NEL 2009
19/01/2009, 11:01

La Commissione Europea ha rivisto le stime sui conti pubblici e per l'Italia si prevedono molti problemi. Infatti, rispetto all'ultima stima, che dava un rapporto deficit/PIL al 2,8% (contro il 2,6% stimato dal governo), l'Europa stima che a fine 2009 saremo al 3,8%, quindi non solo oltre i parametri di Maastricht, ma anche oltre il "permesso di sforare", che è stato stabilito a causa della crisi. Mentre a fine 2010, a politiche immutate, si stima un 3,7%. C'è da ricordare che a fine 2007 il governo Prodi aveva portato il rapporto deficit/PIL all'1,6%.

Come si vede, i conti pubblici italiani sono completamente fuori controllo. Ci sarebbe bisogno di interventi mirati, sapendo che prima si fanno e più effetti si avranno. Altro che social card, per di più non finanziate. Qui bisogna intervenire tagliando i privilegi per Autostrade, per CAI, per Mediaset e per gli altri amici del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi; aumentando le tasse per i più ricchi; stimolando nuovi settori, come quelli di produzione ecologica; e così via. Ma soprattutto bisogna avere un governo che abbia un obiettivo diverso dal farci cacciare dall'Europa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©