Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

La costituzione della s.r.l.


La costituzione della s.r.l.
14/04/2009, 18:04

La costituzione della s.r.l., disciplinata dall’art. 2463, fa riferimento ampiamente al dettato della costituzione delle s.p.a. In particolare, l’atto costitutivo, redatto per atto pubblico, deve contenere le seguenti minime indicazioni:
- il cognome, il nome, la data ed il luogo di nascita, il domicilio e la cittadinanza di tutti i soci ovvero la denominazione, lo Stato di costituzione e la sede sociale se trattasi di società-socia;
- la denominazione da attribuire alla società costituenda, contenente l’indicazione di società a responsabilità limitata, ed il solo comune ove sono poste la sede della società e le eventuali sedi secondarie, senza più indicare, come prima, l’indirizzo completo di via e numero civico;
- l’oggetto sociale, costituente la, ovvero le, attività che i soci intendono svolgere, nel rispetto di quanto detto per le s.p.a. La s.r.l. non può, però, svolgere attività bancaria, assicurativa, intermediazione mobiliare e di gestione collettiva del risparmio, locazione finanziaria;
- l’ammontare del capitale sottoscritto e versato che non può essere inferiore a diecimila euro;
- i conferimenti posti a carico di ciascun socio e il valore attribuito ai crediti e ai debiti conferiti in natura;
- la quota di partecipazione di ciascun socio;
- le norme relative al funzionamento della società, con particolare indicazione di quelle relative alla distribuzione delle competenze per l’amministrazione e per la rappresentanza, potendo anche fare riferimento ad alcune regole proprie delle società di persone;
- le generalità complete delle persone a cui viene affidata l’amministrazione e delle persone ovvero società a cui viene affidato l’eventuale controllo contabile;
- l’importo globale, almeno approssimativo, delle spese sostenute per la costituzione poste a carico della società.
Rispetto al previgente contenuto minimo, non è più obbligatorio indicare la durata della società, riconoscendo, in tal modo, la possibilità di società a tempo indeterminato, le modalità secondo le quali devono essere ripartiti gli utili, nel rispetto della proporzionalità tra diritti sociali e quote di partecipazione.
La società può essere costituita attraverso due modalità:
1. con contratto, prevedendosi una pluralità di soci;
2. con atto unilaterale, prevedendo, in tal modo, l’intervento di un unico socio.
L’atto societario, differentemente da quanto previsto dalla s.p.a., può essere sottoscritto solo in forma simultanea, non prevedendosi, la pubblica sottoscrizione.
 

Commenta Stampa
di Francesco Cossu
Riproduzione riservata ©