Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Mediaset -7%, Mediolanum - 48%

La crisi di governo colpisce la Borsa, lo spread verso quota 300


La crisi di governo colpisce la Borsa, lo spread verso quota 300
30/09/2013, 09:08

MILANO - Sta per aprire la Borsa, ma le contrattazioni virtuali sono già iniziate. E sono negative per l'Italia: lo spread italiano è volato dai 264 punti di venerdì ai 288 punti di oggi. Ben superiore allo spreead spagnolo, che è fermo a 272. 
Ed è facile capire dove sta il problema, se si vede che il titolo Mediolanum è crollato del 48% (se venisse confermato il dato all'apertura delle contrattazioni, verrebbe subito sospeso per eccesso di ribasso) e Mediaset inizierebbe intorno al -7%. Ma vanno male anche tutte le banche: Unicredit, Intesa San Paolo, Mps, Mediolanum. In totale, Piazza Affari a pochi minuti dell'apertura perde già il 2%. 
Altro elemento che porta le Borse a scendere è l'incertezza sulla situazione economica statunitense: la legge sulle assicurazioni sanitarie (la cosiddetta "Obamacare"), che aumenta il bacino di coloro che - con un basso reddito - possono avere assistenza medica di base, è stata rinviata di un anno, ma il Presidente Usa ha messo il suo veto. Rischiando quindi un contrasto politico che può paralizzare il governo statunitense. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©