Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

LA DESTAGIONALIZZAZIONE DEL TURISMO BALNEARE IN COMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE


LA DESTAGIONALIZZAZIONE DEL TURISMO BALNEARE IN COMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE
22/09/2008, 15:09

Individuare misure per destagionalizzare il turismo balneare, incrementando lo sfruttamento della risorsa mare, e mettere in condizione le strutture balneari di operare oltre i soli mesi estivi. Questo l’oggetto dell’incontro odierno della Commissione Attività Produttive, presieduta da Federico Alvino. Presenti anche gli Assessori al Turismo e allo Sviluppo, Valente e Raffa, e Mario Marra, Presidente regionale del sindacato italiano balneari. Quest’ultimo ha proposto di concedere agli imprenditori balneari di Posillipo la possibilità di impiantare strutture leggere, di facile rimozione ma non precarie, che permettano di offrire diversi servizi, in materia di relax e tempo libero, ad esempio, così da mettere in condizione gli operatori di rispondere al meglio alle esigenze dei flussi turistici e cittadini anche nei mesi precedenti e seguenti a quelli estivi. Un’operazione del genere, ha sottolineato Marra, che trova gli imprenditori pronti ad investire, avrebbe positivi risvolti occupazionali in termini quantitativi e qualitativi (maggiore stabilità).

I Consiglieri Giudice e Galiero hanno concordato sull’importanza della risorsa mare per la città e sulla positività di interventi volti a favorirne lo sviluppo, compreso il prolungamento delle imprese balneari. Galiero, inoltre, ha suggerito di ricorrere ad un approccio premiale e non vincolistico nell’atto autorizzativo. I Consiglieri Ambrosino e Moretto, pur aperti allo sviluppo ventilato delle attività balneari, hanno sottolineato la necessità di inserirlo in un quadro più ampio ed articolato, che tenga conto delle realtà esistenti sul territorio e dei vincoli urbanistici e commerciali. Inserire queste valutazioni nel più ampio quadro del piano commerciale, e in un’ottica sistemica, secondo i due Consiglieri, sarebbe importante.
Anche il Consigliere Ciro Varriale ha individuato nella salvaguardia delle strutture esistenti un aspetto importante della discussione, che va legata al piano commerciale da approvare al più presto, per dare risposte alle diverse categorie interessate, come gli edicolanti.
Per il Consigliere Fucito lo sviluppo delle attività imprenditoriali e della fruibilità della risorsa mare va inserito in un più ampio programma dell’Amministrazione, che contempli anche iniziative sociali ad esso connesse.
Gli Assessori Valente e Raffa, riconoscendo alcuni ritardi nello sfruttamento della risorsa mare, che sconta anche la concorrenza di altri siti regionali e la decisione di puntare su Napoli città d’arte, hanno riconosciuto la necessità di intensificarne lo sfruttamento, in un’ottica di integrazione e differenziazione dell’offerta turistica partenopea. In merito alla destagionalizzazione e allo sviluppo delle imprese balneari si sono detti d’accordo, fermo restando i vincoli del piano commerciale, visto lo stretto legame che intercorre tra turismo e commercio. L’Assessore Raffa, inoltre, nel corso della riunione, si è detto pronto ad un incontro in Commissione per illustrare la bozza del piano commerciale. I due Assessori hanno concluso con la proposta di un tavolo di confronto, aperto ad Assessori e operatori interessati, per affrontare le diverse questioni. “Gli operatori presentino un documento congiunto con le proposte concrete – ha spiegato l’Assessore Valente -, unite ad una visione complessiva del litorale, e noi convocheremo una conferenza dei servizi per valutarne la sostenibilità”.
“Oggi abbiamo cercato di riflettere insieme su misure sistemiche per sviluppare la risorsa mare”, ha dichiarato al termine dell’incontro il Presidente Alvino, auspicando il coinvolgimento delle Commissioni Attività Produttive e Sviluppo e Innovazione nel prossimo confronto fra Amministrazione e operatori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©