Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il confronto tra i soldi della Cig e i contributi dell'Inps

La Fiat incassa più soldi pubblici di quanti ne versi allo Stato


La Fiat incassa più soldi pubblici di quanti ne versi allo Stato
20/11/2013, 09:36

ROMA - Secondo i dati dell'Inps, la Cassa Integrazione Guadagni per la Fiat sta consumando soldi pubblici in elevatissima quantità, molto più di quanto lo stesso colosso torinese versi in contributi. Smentendo così l'amministratore delegato Sergio Marchionne, che ha sempre detto che la sua società non ha bisogno di aiuti pubblici; invece è da parecchio che la Fiat non si reggerebbe in piedi senza. 
E non deve stupire: Cassino, Mirafiori, Pomigliano... non c'è stabilimento Fiat, tra quelli ancora aperti (ricordiamo che negli ultimi anni sono stati chiusi importanti stabilimenti al sud, come Termini Imerese oppure l'Iribus di Avellino), che non abbia personale in cassa integrazione ordinaria o straordinaria. E senza nesuna speranza di un miglioramento futuro: è lo stesso Marchionne che ha detto che lui non chiude tutte le fabbriche in Italia solo per non lasciare troppo campo libero alla Volkswagen. E i numeri lo dimostrano: ha prodotto in Italia 394 mila auto e ne ha vendute 415 mila. Cioè una parte delle macchine vendute in Italia (nonchè tutte quelle vendute all'estero) sono prodotte all'estero; mentre la Fiat ha ridotto le spese con la Cig. Infatti, lo squilibrio tra contributi versati e stipendi pagati dall'Inps pare che ammonti a più di un miliardo e mezzo l'anno. Un bel risparmio, per uno che dice che non ha bisogno dell'aiuto pubblico. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©